Il tempo dei ricordi

77
Foto: ferrovie.info

Ripercorriamo, insieme, gli avvenimenti e i personaggi più importanti che hanno segnato la data del 31 Maggio.

Accadde che:

1884 (138 anni fa): John Harvey Kellogg brevetta i corn flakes, un cibo costituito da mais cotto con zucchero e vitamine. La pasta è arrotolata e tostata a formare dei fiocchi, che sono consumati normalmente a colazione, serviti con il latte. Furono inventati nel 1894 in Michigan dai fratelli Kellogg per riciclare del grano, da servire ai pazienti della propria clinica. Questa idea dei corn flakes cominciò con un incidente, quando il dottor Kellogg e suo fratello, Will Keith Kellogg, lasciarono un po’ di semi di grano cotto a raffreddare, mentre risolvevano dei problemi al sanatorio. Quando ritornarono, videro che il grano era diventato raffermo, ma dato che avevano un budget ristretto, decisero di continuare a lavorarlo appiattendo il grano con dei rulli, sperando di ottenere lunghe sfoglie di impasto. Con loro sorpresa, quello che ottennero invece furono flakes (fiocchi), che tostarono e servirono ai loro pazienti. Questo accadde approssimativamente il 14 aprile del 1894 e il 31 maggio il prodotto fu brevettato con il nome di Granose. I fiocchi di grano, serviti con del latte, divennero ben presto un cibo molto popolare tra i pazienti.

1962 (60 anni fa): a Voghera, un treno merci proveniente da Milano non rispetta un semaforo rosso e piomba su un treno carico di passeggeri diretto in Liguria che sostava sul terzo binario. Fu il più grave disastro ferroviario italiano del dopoguerra. Nell’incidente ferroviario di Voghera vi persero la vita 64 persone e 58 rimasero ferite gravemente. Tutte le vittime si trovavano nell’ ultima carrozza; si trattava in gran parte di villeggianti diretti in Riviera Ligure. Dall’esame della zona tachimetrica del treno 8151, risultò che per tutto il percorso da Milano Rogoredo, salvo un breve rallentamento in corrispondenza di Pavia, il treno aveva tenuto una velocità tra i 70 e i 75 chilometri orari. La velocità non fu diminuita neppure in arrivo a Voghera, salvo che nei nove secondi precedenti l’urto, in cui essa scese bruscamente da 72 chilometri a circa 60. Questa velocità non era in alcun modo ammissibile, indipendentemente dalle indicazioni del segnale rosso, dato che il treno avrebbe dovuto fermarsi alla stazione per il cambio di trazione, essendo all’epoca il tratto di linea Milano-Voghera a trazione elettrica a corrente continua, e quello Voghera-Genova a corrente alternata, imponendo ciò il cambio del locomotore. L’inizio della frenatura del treno può collocarsi a circa 170 metri dalla coda del treno 1391; quindi, tenuto conto delle caratteristiche del freno e del tempo di entrata in azione del medesimo, si può ritenere che esso venne azionato in seguito alle segnalazioni di arresto fatte a mano da parte degli agenti della stazione dal posto di servizio lato Milano, come, del resto, è stato ammesso dallo stesso macchinista.

Nato oggi:

1930 (92 anni fa): nasce, a San Francisco, Clint Eastwood mito del cinema western e uno dei più prolifici registi americani di fine secolo. Nel 1954, a 24 anni, grazie a due amici attori, sostiene, senza esserne troppo convinto, un provino per la Universal. La casa di produzione lo mette sotto contratto per 75 dollari a settimana per 10 mesi. La carriera, comunque, non ha un avvio facile, compare infatti in una serie di B-Movies, dove non viene nemmeno accreditato. Il successo arriva con il telefilm di ambientazione western “Rawhide”. Nella metà degli anni ’60 ha inizio il sodalizio con Sergio Leone, maestro del cinema western italiano. Sodalizio che durerà per anni, con film di successo come “Per un pugno di dollari” e “Il buono, il brutto e il cattivo”. Alla fine degli anni ’60 abbandona il personaggio del pistolero solitario, per vestire quelli del poliziotto dai modi spicci e in rotta coi superiori, l’ispettore Callaghan, chiamato anche “Harry la Carogna”. Negli anni ’70 inizia a lavorare anche dietro la macchina da presa, scelta che gli varrà la vera consacrazione nell’olimpo del cinema. Con il suo lavoro “Million Dollar Baby” ha vinto lo scettro di migliore regista e quello di miglior film agli Oscar 2005. Clint Eastwood si è, dunque, affermato come regista di grande valore, pronto ad affrontare temi sempre difficili, che lo hanno reso amatissimo sia in patria che in Europa.