A Befana

68
Foto: rassegna stampa

Abbiamo rivisto dopo tanto tempo questa bella poesia del noto ristoratore e artigiano del legno e della cioccolata Franco Futia e, anche se sono passati alcuni giorni, ve la riproponiamo.

Pensu a Befana i tanti anni arretu

quando cu tanta ansia jeu à spettava,

ndavia a mamma chi sempi mi parrava:

va, dormi, figghiu, ca Bifana arriva.

i chilli tempi non avia televisioni

e accussi jeu sempi prestu mi curcava,

ma cu penseru cà Bifana arriva,

jeu quasi mai m’addurmentava.

Ndavia a fratima chi cummia si curcava

e cu li pedi sempi mi spingia;

poi chianu chianu u sonnu m’arrivava

e ncollu i fratima cadia

e a Bifana sempi pamm’a nu sognu era.

Quandu a matina jeu mi risbigghiava

giocattoli nta carzetta non vidia,

trovava fica, castagni e viscottina,

ma puru cu chilli jeu cuntentu era

ca chilli erano i tempi chi ndavia.

Mò ndannu tutti sti cotrari d’ora,

treni,apparecchi e camioncini,

ma non su cuntenti mai com’era jeu

puru ca ndannu tuttu megghiu i mia.

Sordi pagaria u tornamu arretu,

ma soddisfazioni jeu vorria,

natta vota u tornu cotraru:

u trovu a carzetta chi mpedia.

Franco Futia

Siderno