A Camini i suoni del Mediterraneo

57

Nel borgo dell’accoglienza ci saranno due giorni di musica tra strumenti e tradizioni dalla Turchia alla Calabria.

I suoni del Mediterraneo protagonisti di due giorni di musica, a Camini, il comune che ha abbracciato la diversità come fonte di arricchimento, in un imperdibile evento promosso dall’amministrazione comunale e dalla Eurocoop servizi Jungi Mundu in collaborazione con le associazioni culturali AreaSud, Consorzio musicisti calabresi e Società della lira. Dalla Turchia alla Calabria, un intreccio di sonorità e tradizioni, con il filo conduttore della lira nelle sue diverse declinazioni.

Sabato 11 giugno, in Piazza Municipio, alle 21.30, “Musiche per lira e liuto da Istanbul”, seminario di musica turco-ottomana con Nağme Yarkın e Murat Yerden.  Nağme Yarkın suona il Kemençe (lira turco-greca), tiene laboratori di musica ottomana nelle più importanti università in Turchia e all’estero, oltre a portare i suoi concerti in tutto il mondo; Murat Yerden è un giovane liutaio, specializzato nella produzione del Kemençe e suona diversi strumenti occidentali e della tradizione turca.

Domenica 12 giugno, sempre in Piazza Municipio, alle 21.30, “Dal Bosforo alla Ionica: i percorsi della lira tra Turchia e Calabria”, concerto-lezione di Vincenzo Piazzetta, liutaio, e Gabriele Trimboli, musicista, con Nağme Yarkın e Murat Yerden.

Attraverso il seminario e la musica si conosce l’altro e la sua cultura, arricchendo i punti di vista e consolidando in ognuno l’identità di cittadini del mondo.

La Eurocoop Jungi Mundu, presieduta da Rosario Zurzolo, impegnata con uno staff di specialisti nel settore dell’accoglienza a dare senso autentico all’integrazione e alla realizzazione di un mondo multietnico, con questi laboratori di musica e strumenti dà spazio alla condivisione di esperienze diverse ma con comuni radici che attraversano millenni di storia nel cuore nel Mediterraneo.