Addio, carissimo Fortunato

106

Vito Teti

Apprendo da voi la dolorosa notizia della perdita di Fortunato Nocera. È una grande perdita per tutti noi, per la Calabria, per San Luca, per il mondo culturale. Ho avuto modo di frequentare negli anni, anche con una certa assiduità, Fortunato e sono rammaricato di non averlo visto negli ultimi tempi a causa del Covid e di molti impegni personali. Fortunato Nucera è stato un ricercatore attento, uno studioso curioso e documentato, un intellettuale che si è impegnato per far conoscere ancora di più e meglio Alvaro e la cultura dell’universo d’origine. Fondamentale il ruolo avuto nella benemerita Fondazione Alvaro e nell’associazione dedicata a padre Stefano De Fiores, altro nome indimenticabile della cultura calabrese. Ci sarà molto da dire sulla sua opera, le sue ricerche, le sue ricostruzioni, le sue storie, io vorrei ricordare la persona garbata ed equilibrata, generosa e disponibile, l’amico attento, amabile e premuroso. Rivolgo a tutti voi un caro saluto, grazie di ricordarlo, con la preghiera di fare pervenire ai suoi familiari amati le mie più sentite condoglianze unitamente a queste poche parole di ricordo. Ciao, carissimo Fortunato