Alzheimer, approvato farmaco per la prima volta in America

71

La Fda americana, per la prima volta dopo vent’anni di silenzio sul tema, ha approvato un nuovo farmaco contro l’Alzheimer, l’Aducanumab (Aduhelm) che contrasta il processo degenerativo della malattia e non i suoi sintomi.

Ciò nonostante il parere contrario di numerosi esperti e dello stesso Comitato indipendente dell’Agenzia del farmaco americana, che però sta creando numerose aspettative da parte dei malati e delle loro famiglie.

Proprio questa settimana sulla Riviera si può leggere un’intervista ad Amalia Bruni realizzata da Rosalba Topini, la dottoressa racconta il suo lavoro e i risultati ottenuti per raggiungere una cura per l’Alzheimer.

I dettagli

Il farmaco prodotto dalla casa Biogen dovrebbe bloccare, con un’iniezione al mese nelle vene, il declino cognitivo provocato dalla malattia, purché non sia ad uno stadio avanzato e con capacità neurologiche e di memoria già notevolmente ridotte e riuscirebbe anche ad aiutare nella diagnosi precoce grazie ad alcuni biomarcatori.

L’azienda produttrice dovrà mettere a punto un nuovo studio clinico che provi la completezza dell’efficacia del farmaco, che nel frattempo sarà però commercializzato e durante la Fase 4, in cui si valuterà l’efficacia, si potrà anche revocare l’approvazione.