Siderno 2030: “Ancora una volta solo parole da parte della Sindaca Fragomeni”

406

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa del movimento politico “Siderno 2030”, viene contestata l’assenza del sindaco Fragomeni all’assemblea organizzata dal Comitato dei Sindaci della Locride, sulla possibilità di realizzare interventi significativi nel tratto della S.S. 106.


Appena mercoledì scorso 16 febbraio 2022 la Sindaca di Siderno, in replica all’articolo di Padre Carlino, tra le altre considerazioni, testualmente postava sulla sua pagine di Facebook: “E’ vero che la statale 106 è la madre di tutte le battaglie, ed io sarò in prima linea in tutte le iniziative che si vorranno assumere, assieme agli altri primi cittadini della Locride”.
Ieri sera, alla prima rilevante occasione organizzata dal Comitato dei Sindaci della Locride e dal Corsecom, alla presenza di rappresentanti politici regionali e nazionali, per discutere sulla possibilità di realizzare interventi significativi nel tratto della S.S. 106 ricadente nella nostra provincia, arteria da sempre unanimemente ritenuta strategica per qualsiasi ipotesi di sviluppo della zona, il primo cittadino del nostro Comune ha disertato personalmente la riunione e non ha delegato alcun rappresentante della sua maggioranza a presenziare ai lavori dell’assemblea.
Per Siderno2030 quella della dottoressa Fragomeni è stata sotto l’aspetto politico una scelta negativamente clamorosa, laddove si pensi che solamente il comune di Siderno era assente alla riunione (che, peraltro, si è svolta nella sala del nostro Consiglio Comunale) facendoci riportare alla memoria le mancate partecipazioni del nostro Comune in altre assemblee su temi di importantissimo interesse per la comunità sidernese in epoca della gestione Commissariale, come se da allora nulla fosse cambiato.
Vorremmo ricordare alla Sindaca che lei è il primo cittadino del principale paese della Locride e che in tale ruolo è alla nostra gente che deve dare conto e certamente non alla sua parte politica che si appresta ad affrontare una campagna elettorale per il rinnovo delle Camere evidentemente in contrapposizione con i rappresentanti delle forze politiche, che ieri sono stati presenti alla riunione.
E’ ora di finirla con gli slogan propagandistici, con vuote parole alle quali non fanno seguito atti conseguenziali. Chiediamo con forza che Siderno sia presente in tutte le prossime occasioni, sappia rappresentare le aspirazioni del suo popolo e riesca a farsi riconoscere il ruolo che gli spetta in ogni ambito uscendo finalmente dall’isolamento politico nel quale da più tempo si trova.