Antonella Pagliuso: Non usate invano il nome di mio fratello!

115

L’avvocato Antonella Pagliuso, dopo le dichiarazioni riguardo il fratello, espresse dal Presidente della Camera Penale lametina, in una manifestazione, ha pensato fosse necessario difenderlo dalle informazioni enunciate in maniera strumentale ed impropria e ricordarlo come un uomo leale e onesto come non se ne vedono più oggi.

Con enorme stupore e rammarico ho preso atto delle dichiarazioni rese dal nuovo Presidente della Camera Penale lametina, il quale nell’ambito di una manifestazione, questa si populista, ha osato ricordare la morte dell’Avvocato Francesco Pagliuso quale prezzo pagato dell’Avvocatura lametina, cosi utilizzandolo, quale vessillo, forse per legittimare una battaglia, dai tratti oscuri certamente a buona parte dell’Avvocatura.

Ebbene, non avrebbe consentito LUI – e ho il dovere morale, oltre che l’esigenza di non consentire io – che ciò che è accaduto  abbia più a ripetersi.

E’ necessario chiarire – mai avrei pensato ne sorgesse la necessità – al Presidente della Camera Penale di Lamezia Terme che la morte dell’Avvocato Francesco Pagliuso non è il prezzo che parte dell’Avvocatura lametina ha pagato, ma è il prezzo che Lui – l’Avvocato Francesco Pagliuso- ha pagato per essere un Avvocato vero, onesto e leale che ha speso tutte le sue capacità ed energie – fino alla fine e sono certa lo fa ancora-nella difesa dei propri clienti anche, forse, nella consapevolezza che questo gli sarebbe costato la vita.

Un’avvocatura che ha volontariamente evitato, per ben 6 lunghi anni, di ricordare la figura dell’Avvocato Francesco Pagliuso, oggi non può e non deve usarlo, in sedi non consone ai sui altissimi ideali.

Per Francesco Pagliuso, vale la pena ricordarlo agli smemorati, le battaglie si combattevano “a testa alta in Tribunale e a schiena china sui libri e sugli atti, in Studio”.

L’Avvocato Francesco Pagliuso si è sempre confrontato con la Magistratura inquirente e requirente, dall’alto delle Sue elevate qualità professionali, senza mai cedere il passo, ma sempre nel rispetto dei ruoli, che certamente lui non temeva, con onestà e abnegazione.

Pertanto, invito l’Avvocatura che ha volontariamente dimenticato la grandezza di questo Avvocato a desistere dall’utilizzo  del nome dell’Avvocato Francesco Pagliuso in maniera strumentale ed impropria, soprattutto li invito a desistere dall’utilizzo del Suo nome in proclami di guerriglia di basso profilo che  l’Avvocato Francesco Pagliuso certamente non avrebbe mai condiviso essendo ben altri i livelli e le battaglie da Lui combattute sempre in nome dell’Avvocatura vera, onesta, leale e professionalmente elevata che sono certa comprenderà il senso delle mie parole.

Avvocato Antonella Pagliuso