Benvenuto in Aspromonte ad Alberto II di Monaco

471
Foto: monaco tribune

Il principe Alberto II di Monaco, il 7, l’8 e il 9 novembre visiterà tre centri che fanno parte del Parco Nazionale dell’Aspromonte, Gerace, Cittanova e Molochio. Il presidente Leo Autelitano, vista la rilevanza storica dell’evento vuole porgere un particolare benvenuto insieme ai sindaci dei comuni interessati. Soprattutto perchè il Sovrano ha voluto legare la sua visita dell’Aspromonte ad un aiuto concreto per l’ambiente e per la natura.

 Il principe Alberto II di Monaco, il 7, l’8 e il 9 novembre, farà visita alla Calabria ed in particolare al territorio dell’Aspromonte a Gerace, Cittanova e Molochio.

Sua Altezza Serenissima ha scelto l’Aspromonte per una trasferta ufficiale inserita nell’ambito del percorso di recupero della memoria del nostro territorio legata ai Siti Storici Grimaldi, gli antichi feudi della casata monegasca, con i quali il Principe ha espresso la volontà di attivare nuove collaborazioni. Inoltre, il Sovrano ha voluto legare la sua presenza ad un aiuto concreto per la natura, ad un impegno che vedrà il coinvolgimento di eccellenze locali, attraverso una Serata di Gala di raccolta fondi.

Il presidente Leo Autelitano, vuole ricordare che il principe non sbarcherà da solo in Calabria, ma arriverà con la sua Fondazione Principe Alberto II di Monaco, organizzazione internazionale senza scopo di lucro, da lui presieduta e creata nel 2006, per combattere i cambiamenti climatici e difendere la biodiversità, i mari e le risorse idriche del nostro pianeta. Il Principe di Monaco è, da tempo, sensibile alle tematiche ambientali. Significativo è, soprattutto, il suo impegno verso le foreste in generale e la promozione di modelli di gestione sostenibili e orientati alla tutela degli eco-sistemi forestali e alla difesa della biodiversità.

Membro d’Onore dell’Istituto Internazionale del Diritto Umanitario dal 1986, membro del Comitato di Sostegno del W.W.F. dal 1990, oggi è costantemente impegnato in prima persona nei programmi di aiuti internazionali e negli interventi per le emergenze umanitarie.

La parola ai tre sindaci in ordine come da programma della visita

Rudi LIZZI (vicesindaco Gerace)

«La visita di S.A. Serenissima il Principe Alberto II di Monaco nella nostra città, in programma l’8 novembre, ci riempie d’orgoglio», dichiara il vicesindaco di Gerace Rudi Lizzi. «Gerace nei mesi scorsi ha aderito all’associazione italiana “Siti storici Grimaldi”, fondata – osserva Lizzi – per indicare lo stretto legame di alcuni territori della penisola con la storia dei sovrani monegaschi. La storia di Gerace, infatti, vanta il segno ben visibile dei Grimaldi e un forte legame coi membri della Famiglia reale monegasca, che periodicamente si recano alle antiche roccheforti della Dinastia, al fine di mantenere un collegamento ben saldo con la storia italiana e con una contaminazione culturale che permane da oltre 700 anni. Lo stesso Municipio geracese è Palazzo del Tocco, già Grimaldi-Serra». Il Consiglio comunale di Gerace ha deliberato a voti unanimi il conferimento della cittadinanza onoraria al Principe Alberto, «che verrà conferita l’8 novembre presso la Chiesa monumentale di San Francesco d’Assisi».

 Francesco COSENTINO (sindaco Cittanova)

L’incedere del tempo può raccontare, a volte, il susseguirsi di eventi capaci di segnare l’anima più profonda di un paese e della sua comunità. La visita di Sua Altezza il Principe Alberto II di Monaco ha richiesto un lavoro istituzionale intenso e di più anni: quest’evento riallaccerà il filo del passato con le ambizioni di una nuova rinascita per l’intero Sud. In questo quadro, trova suggestiva cittadinanza un’altra storia straordinaria, quella di Cittanova; paese capace di rinascere più volte, superando catastrofi, mutamenti politici, guerre e carestie. Nascita e resurrezione senza soluzione di continuità, a partire da quel 12 agosto del 1618, quando Girolamo Grimaldi pubblicò il bando di edificazione di Casalnuovo. Nel 2018 Cittanova ha festeggiato i 400 anni dalla fondazione. Al Principe Alberto conferiremo, nel pomeriggio dell’8 novembre, la cittadinanza onoraria e gli consegneremo alcuni doni speciali, tra cui le chiavi della città. Una promessa di amicizia suprema, una speranza di fratellanza e nuova collaborazione a distanza di secoli.

 Marco CARUSO (sindaco Molochio)

Il sindaco di Molochio Marco Caruso rammenta che il suo Comune fa parte dell’associazione Siti storici Grimaldi. «All’epoca, l’odierna Molochio faceva parte dei feudi: la lavorazione del legname era il segmento più importante delle attività sul territorio. Dei feudi faceva parte pure il villaggio Trepitò, nelle quali vicinanze si trovano le Cascate Mundu e Galasia (uno dei geositi presentati all’Unesco dal Parco Nazionale D’ Aspromonte); i resti dell’antica segheria proprietà della Famiglia reale Grimaldi sono tuttora visibili in contrada Vitreto». Oggi, «il legame della comunità molochiese col Principato è ancora più forte grazie ai tantissimi conterranei che vivono nell’Alto Tirreno ligure o in Costa Azzurra francese e che ogni giorno muovono per lavoro verso Monaco». Tutta Molochio attende il Principe con gioia e orgoglio: «Un Capo di Stato che viene ad incontrare la nostra comunità è un evento rarissimo. È un giorno in cui la Storia sta bussando alle nostre porte: da mercoledì in poi, sarà parte del bagaglio culturale della nostra comunità».