Bovalino: Tari ridotta per i commercianti penalizzati dal Covid

31

L’Amministrazione comunale di Bovalino ha predisposto l’avviso per la riduzione TARI per le attività commerciali che hanno subito delle perdite, a causa delle chiusure predisposte dal Governo per contenere la diffusione del Covid-19. I requisiti sono stati stabiliti dal Governo nazionale e sono riportati nell’avviso. Il termine ultimo di partecipazione è previsto per il 10 ottobre 2021.

In una nota, il Sindaco di Bovalino Vincenzo Maesano e l’Assessore al Bilancio Maddalena Dattilo hanno così motivato: “Continuiamo ad essere vicini ai cittadini che da due anni a questa parte, a causa dell’emergenza sanitaria, stanno attraversando un difficile momento sociale ed economico”, afferma Maesano, che invita i cittadini a partecipare e a recarsi presso gli uffici comunali per ulteriori chiarimenti e informazioni. “I nostri commercianti e i titolari di altre attività oltre alla chiusura forzata imposta dal Governo nazionale, durante il periodo di emergenza sanitaria, hanno subito importanti perdite economiche e non solo”, afferma l’assessore Dattilo, che spiega: “Come avevamo anche anticipato in sede di approvazione di Piano TARI,  abbiamo attuato il dispositivo della normativa vigente in materia con la quale si è stabilita una riduzione della tassa per coloro che hanno i requisiti appartenendo alle categorie con i codici ATECO interessati dalle chiusure. Forse le risorse finanziarie stanziate dal governo per ciascun comune non garantiranno un totale ristoro dei danni subiti a causa dell’emergenza, ma è certamente un segnale importante per tanti cittadini che con enormi sacrifici hanno continuato le loro attività. A loro – conclude Dattilo – va la mia solidarietà personale e quella a nome di tutta l’Amministrazione comunale. Speriamo che l’adozione di tutte le misure contro la diffusione del Covid-19 unitamente alle altre iniziative messe in atto nei diversi campi della società e il fatto che il nostro comune sia riuscito ad evitare provvedimenti restrittivi specifici (come la dichiarazione di zona rossa) riesca a far ripartire velocemente il nostro settore economico”.