Calabria: Filippo Veltri pubblica “Quando c’era la politica”

37

Il nuovo capolavoro del giornalista cosentino Filippo Veltri, dal titolo “Quando c’era la politica”, viene rilasciato nelle biblioteche italiane dalla casa editrice Ferrari Editore. Il suo obiettivo è quello di riportare la politica calabrese ai fasti di un tempo.

Appena arrivato in libreria, pubblicato dalla Ferrari Editore, il recente libro di Filippo Veltri, “Quando c’era la politica”. «Forse, bisognerebbe tornare a riflettere sulla nostra storia più recente senza omissioni o municipalismi di ritorno, giustificazioni che hanno fatto il loro tempo». Questo è un piccolo estratto di “Quando c’era la politica” il recente libro di Filippo Veltri, scrittore e giornalista specializzato in temi politici, sociali e ambientali. Un lavoro che affronta di petto l’ultimo trentennio della vita politica calabrese, misurandosi con lo scenario nazionale. «Serve a poco la lamentazione se non c’è vera ed effettiva partecipazione dal basso. Se la cittadinanza non diviene attiva. Parolina magica ma unica strada» si legge nell’ultimo capitolo di un pamphlet rigoroso e viscerale. Nodi essenziali di una breve e complessa fase storica e culturale vengono discussi, per sviluppare riflessioni su una visione capace di accompagnare l’azione politica. L’autore presenterà il volume alla trentaquattresima edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino. La necessità di indagare la vita politica in Calabria nell’ultimo trentennio è alla base di un graffiante e agile pamphlet che punta a restituire un quadro teorico d’insieme, in grado di fare da mappa per la contemporaneità. Filippo Veltri, scrittore e giornalista di razza, con il suo linguaggio estremamente diretto e riconoscibile, lungo un percorso cronologico di coraggiosa cronaca, ci aiuta a riflettere su quando in Calabria c’era un laboratorio politico che faceva da bussola e specchio  all’intera nazione e sul perché oggi non c’è più. La volontà̀ di scandagliare elementi e cause, come il rapporto con i vertici del sistema politico italiano, il clientelismo familiare, l’interferenza mafiosa, le inchieste giudiziarie, la scarsa partecipazione al voto, il crollo demografico, il distacco della borghesia produttiva, nasce dalla consapevolezza che, pur nelle loro diverse declinazioni e interpretazioni, rivestono una centralità̀ da non trascurare. Il volume ha la prefazione di Domenico Talia e la postfazione di Vincenzo Falcone.