Caro Piero, non ti hanno usato la stessa premura

78

De Andrè a Siderno

Sparagli Piero, sparagli ora. E dopo un colpo sparagli ancora. Fino a che tu non lo vedrai esangue, cadere in terra a coprire il suo sangue. Questa era la strofa di Fabrizio De Andrè dedicata ad un Piero che non ebbe la forza di sparare e come dice ancora il poeta morì, perché l’altro non gli uso la stessa premura. Mi sono venute in mente queste strofe, che hanno formato una generazione intera, quando due giorni fa ho letto i risultati di alcune prove. Prove dove appunto il nostro eroe ci contava, ma non è stato ammesso.

Vladimir