Conclusa la XLI edizione di “Rumori Mediterranei”

24

Giorno 29 agosto, con due concerti di grande impatto spettacolare, si è conclusa la XLI edizione di “Rumori Mediterranei”. Molto gradite dal pubblico le due band che si sono alternate sul palcoscenico del Teatro al Castello di Roccella Jonica.

Proprio poco prima dei concerti, però, è arrivata la notizia della scomparsa di Giusy Bruzzese, l’impiegata comunale che aveva perso il marito ed era rimasta ferita insieme al Comandante della Polizia Municipale Alfredo Fragomeli in un incidente stradale. I due si occupavano della gestione amministrativa della manifestazione.

Dopo una sofferta analisi,  l’organizzazione del Festival ha deciso di svolgere i concerti nel modo più sobrio possibile e sospendendo qualsiasi forma di comunicazione. Lo ha fatto per onorare i contratti con i musicisti e rispettare gli impegni presi con gli sponsor istituzionali.

È toccato alla European Galactic Orchestra di Gabriele Mitelli aprire la serata con un progetto centrato sul jazz contemporaneo. Quella di Mitelli è una allstar formata da musicisti di primissimo piano  provenienti da 6 diversi Paesi d’Europa. Di grande interesse i brani eseguiti. Nella maggior parte dei casi si è trattato di composizioni  originali.

La serata e l’edizione sono state chiuse dai Lehmanns Brothers (niente da spartire con la celebre banca fallita), una band francese formata da giovanissimi musicisti che hanno dato vita a una esplosiva performance ricca di suggestioni jazz, hip hop, funk e afrobeat, anche se la serata, sul piano emotivo, è stata condizionata dalla notizia della scomparsa della signora Bruzzese.

Risultati oltre ogni aspettativa quelli della XLI edizione di Rumori Mediterranei che si è potuta svolgere grazie all’impegno del Sindaco Vittorio Zito e di numerosi volontari. Una manifestazione resistente, in forse fino ai primi di agosto, che si è rilevata poi vincente sul piano delle proposte musicali elaborate dal direttore artistico Vincenzo Staiano. Spettatori provenienti da tutta Italia, infatti, hanno accolto con grande favore i musicisti provenienti da diversi paesi (Israele, Albania, Francia, Stati Uniti, Regno Unito, Senegal, Grecia) e i giovani performer che si sono laureati all’Accademia del Jazz di Siena e che costituiscono la “next jazz generation”. Su tutti ha dominato la grande esibizione di Noa che ha segnato la XLI edizione.

Il Direttore Artistico

Vincenzo Staiano