Consulta regionale della cooperazione: eletti i rappresentanti del consiglio regionale

49

Ieri, giovedì 20 ottobre, il Consiglio regionale, tra i numerosi punti posti all’ordine del giorno, con 14 voti, ha eletto i rappresentanti della maggioranza nella consulta regionale della cooperazione.

Il Consigliere regionale Cirillo, in una nota stampa, ha affermato: “Ringrazio i colleghi consiglieri regionali, gli assessori, il Presidente del Consiglio Filippo Mancuso e il Presidente della Giunta regionale Roberto Occhiuto per aver riposto la loro fiducia anche nella mia persona, eleggendomi in rappresentanza della maggioranza nella Consulta regionale della cooperazione. La Commissione, in questo particolare momento storico, potrà sicuramente essere di supporto sia nell’ambito della programmazione regionale sia per potenziare la cultura della cooperazione a somma positiva, indispensabile per dare un nuovo impulso al valore aggiunto intravedibile in tutti quei modelli cooperativistici poco presenti, ma oggi indispensabili anche nel nostro Meridione. Inoltre, essendo costantemente impegnato nell’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale, in qualità di segretario questore, in questo primo anno di Legislatura non è mai mancata la vicinanza, la stima e la disponibilità del Presidente Mancuso e con questo nuovo incarico vorrei essere ancora più funzionale nell’ambito del lavoro che andremo a svolgere per affrontare le future sfide con maggiore contezza e determinazione. Penso alle importantissime risorse economiche che la nostra regione dovrà governare nel medio periodo , anche tramite i finanziamenti del PNRR, la crescente attenzione che dovrà essere riposta nei confronti delle numerose criticità vissute soprattutto nelle aree interne, la necessità di dover rispondere alle nascenti esigenze con ulteriori proposte legislative, tese a scrivere il futuro della Calabria e dei Calabresi, azioni che sicuramente dovranno essere interpretate guardando il cambiamento e il futuro come una autentica opportunità che oltre ad attenderci ci chiede di essere protagonisti senza ripetere le scelte del passato. Con queste opportunità, tanta buona volontà e una maggiore collaborazione, si potranno aprire nuove prospettive attraverso una serie di azioni con le quali i vari organismi regionali, competenti in materia di cooperazione, potranno svolgere le loro funzioni in maniera più incisiva al fine di razionalizzare le risorse ed indirizzarle in interventi puntuali, specifici e mirati alle esigenze dei Cittadini Calabresi”.