Continua la kermesse del Festival delle fiabe con il progetto “Fiabe per un Noi”

98

Diciotto illustratori italiani raccontano 17 fiabe in 115 immagini. La mostra è aperta, ogni giorno, con visita per le scuole.

Prossimi appuntamenti

Il 28 aprile alle 18,30 con l’autrice pugliese Florisa Sciannamea;

il 30 aprile alle 18,30 con la fiaba dei Girasoli della Locride;

il 1 maggio dalle 16,30 gran finale con animazione a cura di “Il mondo di Ugo”.

“Fiabe per un Noi” continua ad affascinare grandi e piccoli trasportandoli nel viaggio alla scoperta dell’incanto fiabesco con un vortice di colori, emozioni e parole.

Ad inaugurare la mostra è stata la presidente dell’associazione “I Girasoli della Locride”, Irma Circosta che a nome di tutte le mamme del gruppo ha voluto evidenziare l’importanza di aver dato vita ad un progetto per tutti i ragazzi costruito anche con la partecipazione dei ragazzi diversamente abili che oltre ad aver scritto una fiaba aiuteranno nella guida alla mostra.

La bravissima conduttrice, nonché scrittrice, Rossella Scherl, ha coordinato i lavori dell’inaugurazione spiegando il progetto ed invitando l’assessore alle politiche sociali del Comune di Locri Domenica Bumbaca ai saluti.

«Questo non è un progetto ma un percorso che oggi vede concretizzare uno dei tanti lavori che abbiamo deciso di intraprendere con l’organizzatrice Antonella Iaschi. Questo festival ci permette oggi di sognare, imparare, apprezzare i colori, l’arte e soprattutto di condividere un progetto inclusivo grazie ai Girasoli».

Il vicepresidente della Fondazione Zappia, Domenico Romeo, portando i saluti del presidente Antonio La Rosa, ha manifestato la disponibilità della Fondazione a divenire luogo delle fiabe e spazio per moltissimi laboratori.

Era presente il dottor Bagnato in rappresentanza dei Lions di Roccella che hanno sostenuto il progetto commissionando alla Cooperativa Jungi Mundu di Camini le cornici per le opere.

L’artista Iaschi, emozionata per la realizzazione di questo “posto incantato” ha spiegato ai presenti che oltre alle letture dei 3 libri già editi dalla casa editrice Radici Future di Bari (in totale i libri saranno 9, uno tradotto nel linguaggio dei segni e in audiolibro che dovrà essere sostenuto da tutti noi), la kermesse sarà impreziosita da altri 2 momenti importanti e un gran finale il primo maggio.

Solo per le scuole, viste le tante prenotazioni, la mostra resterà aperta fino al 5 maggio.

Il 28 aprile alle 18,30 l’artista pugliese Florisa Sciannamea presenterà il suo libro “LEGALEFAVOLE e i MISTINI del PIANETA SOGNIMISTI” dialogando con Filomena Drago, psicoterapeuta e scrittrice, e con Antonella Iaschi, ideatrice del progetto. L’incontro sarà moderato dal giornalista Gianluca Albanese e vedrà l’intervento dell’assessore di Locri Domenica Bumbaca.

Il 30 aprile alle 18,30 protagonisti in assoluto saranno i Girasoli della Locride presentati dall’avvocato Giuseppe Lombardo. La presentazione della fiaba “Sport, Amore e Fantasia” scritta durante il laboratorio autunnale a Palazzo Nieddu del Rio messo a disposizione dall’Amministrazione comunale di Locri, sarà affidata alla bravura dell’avvocato Patrizia Morello.

Oltre alle artiste calabresi Mariella Costa e Maria Adele Longo sarà presente il fotografo friulano Villiam Covasso dalle cui foto dedicate alla natura è nata la fiaba “Se io potessi’. Interverrà come Ospite il vescovo Sua Eccellenza Monsignor Francesco Oliva e sarà presente l’assessore regionale alle politiche sociali Tilde Minasi

FLORISA SCIANNAMEA

Designer, illustratrice, scrittrice. Frequenta a Bari il Liceo Artistico e l’Accademia di Belle Arti. Allieva e poi assistente alla cattedra di Figura Disegnata del Maestro Luigi Guerricchio e in seguito docente di Storia dell’Arte e del Costume. Si dedicherà poi alla Moda in veste di fashion designer e responsabile degli uffici stili aziendali. Da diversi anni pubblica narrativa per adulti e storie per l’infanzia e ragazzi, illustrando i propri libri.

Nel 2013 pubblica con Edizioni dal Sud “Donne nell’acqua loro”, secondo posto nel Premio FortunaDautore a Bari, e un saggio sulle camicie bianche di Gianfranco Ferré per il libro “Fashion Intelligence”. Nel 2014 con Adda Editore il libro “Favole Capovolte” primo classificato al concorso Nazionale di Letteratura per l’Infanzia “Premio FortunaDautore”, Bari. Nel 2017 “Con gli occhi dei bambini, manuale per apprendisti genitori” (Edizioni dal Sud) coautrice CinziaPonticelli e nel 2018 “Dieci ragazze per me” con la stesa casa editrice. Nel 2018 “LaSpunteggiatura-bestiario dei segni”(Fasi di Luna Editrice). Nel 2019 pubblica con Radici Future “Favole2.0- storie di streghe sbagliate e lupi gentili” e nel 2020 “Nel Liquido paese degli Elfi”.

A febbraio 2021 è stata premiata con “The Light of Galata 2020” da Osman Ozturk, Presidente dell’Instanbul Arts and Culture Tourism Association, per avere contribuito alla Pace, all’Amicizia, alla facilitazione della diffusione delle Arti e della Cultura.

“LEGALEFAVOLE e i MISTINI del PIANETA SOGNIMISTI”

Esiste un pianeta lontano che molti adulti hanno dimenticato: è SogniMisti, il Pianeta dei ricordi dell’infanzia, delle promesse fatte, dei buoni propositi. I sogni, le speranze e le promesse arrivano sul Pianeta SogniMisti sotto forma di disegni fantastici come solo i bambini sanno fare. Sono i Mistini. Strane commistioni di animali immaginifici e meravigliosi. Pesci con le zampe, elefanti che sanno volare, leoni camaleonti e tanti altri. Un giorno questi Mistini si accorgono che molti adulti hanno perso la speranza dimenticando sogni, promesse e comportandosi in modo scorretto: non cercano di conseguire il Bene Comune e il raggiungimento della Pace. Sarà allora compito dei Mistini e dei bambini insegnare nuovamente agli adulti come seguire le regole dimostrandolo con un comportamento corretto. Attraverso gli occhi dei Mistini e dei loro racconti in chiave favolistica, vedremo le scorrettezze quotidiane compiute dall’uomo, ma scorgeremo anche la luce della Speranza che si accende insegnando ai bambini la strada della ricerca della Legalità e del Bene Comune nel rispetto delle regole.