Domenico Giannetta: ”La situazione all’Ospedale di Polistena è gravissima”

123

Domenico Giannetta, dirigente medico e segretario aziendale ANAAO, esprime la sue considerazioni circa la situazione dell’ospedale di Polistena.

Queste le sue parole: ”La situazione all’Ospedale di Polistena è gravissima. La chiusura del reparto di Rianimazione sta generando una serie di disagi a catena che vanno affrontati con assoluta priorità. Mi appello alla Commissaria straordinaria dell’Asp di Reggio Calabria perché convochi al più presto un tavolo di concertazione con tutti gli attori coinvolti, compresi i vertici aziendali e i sindaci dei comuni della Piana, perché sia ricercata al più presto una soluzione. L’ospedale di Polistena copre un’utenza di 180 mila persone e forse non tutti sanno che, da inizio anno, in Chirurgia Generale, sono stati eseguiti 450 interventi chirurgici, cui bisogna aggiungere quelli di Ortopedia, Ostetricia e Ginecologia e che solo lo scorso anno ci sono state ben 1000 nascite. Il tutto si è svolto in estrema difficoltà. Con soli 7 anestesisti (oggi 5 perché due sono in malattia) al posto dei 21 necessari da pianta organica. Gli anestesisti andrebbero potenziati, in ossequio alle direttive regionali e nazionali e invece, proprio adesso, in piena estate, con l’acuirsi del numero degli interventi dovuto all’incremento esponenziale della popolazione, siamo arrivati addirittura alla chiusura della Rianimazione! Cosa mai successa prima. L’effetto della chiusura é dirompente  sui pronto soccorso, sulle chirurgie che non possono più effettuare interventi, neanche in urgenza, sugli altri ospedali che devono prendere in carico i nostri pazienti e sono già in difficoltà con i propri. Un’intera rete viene messa in crisi e questo crea disservizi e sfiducia nella popolazione verso la nostra sanità, preferendo l’emigrazione sanitaria. Una situazione grave che deve trovare immediata e concertata soluzione”.