Gerace: giornata dedicata alle vaccinazioni domiciliari

78

L’Amministrazione Comunale di Gerace prosegue senza sosta gli interventi di prevenzione contro il pericolo di diffusione del covid-19. Nei giorni scorsi, per limitare i contagi, è stata organizzata una giornata dedicata alle vaccinazioni domiciliari grazie al fattivo contributo del Team Mobile dell’Esercito, che si è prodigato in maniera eccellente per raggiungere i cittadini geracesi e somministrare il vaccino. Il team dell’Esercito è stato coadiuvato da funzionari e personale del Comune di Gerace, in particolare, dei servizi sociali e della polizia locale 

L’Amministrazione comunale rivolge un ringraziamento speciale all’equipe del team Mobile dell’Esercito per la loro professionalità che ha consentito di effettuare una campagna di vaccinazione domiciliare, che ha riguardato 80 persone, con particolare riguardo alle persone più fragili e, proprio per questo, più bisognose di una copertura che li possa proteggere dal rischio che un eventuale contagio degeneri in una forma grave.

Sin dall’inizio della pandemia l’Amministrazione guidata dal sindaco Giuseppe Pezzimenti si è impegnata attivamente in favore dei cittadini attivando una serie di provvedimenti che hanno consentito di arginare le difficoltà dovute al covid. Da un lato si è promossa un’attività solidale che, anche attraverso la presenza di volontari, ha registrato un sostegno continuo soprattutto per le fasce più deboli. Dall’altro lato si sono adottate una serie di misure urgenti di solidarietà alimentare attraverso l’erogazione di buoni spesa calcolato sulla base dello stato bisogno della numerosità e della composizione del nucleo familiare, aggiungendo anche la possibilità di ottenere il rimborso diretto di quanto pagato a titolo di canone di locazione e/o di utenze domestiche.

Accanto a queste misure solidali l’Amministrazione Pezzimenti ha adottato puntuali e precise misure di contenimento della circolazione della pandemia, sia con l’ausilio di un drive-in per effettuare i tamponi, sia sospendendo per due settimane l’attività didattica in presenza, sia attraverso una campagna a sostegno della vaccinazione. Il tutto finalizzato alla ripartenza in sicurezza riponendo maggiore fiducia al futuro.