fbpx
venerdì, Febbraio 23, 2024
spot_img
HomeApprofondimentiGiorgia Meloni: tanto fumo e niente arrosto?

Giorgia Meloni: tanto fumo e niente arrosto?

Francesco Riccio si chiede se non sia il caso di dire le come stanno quando si parla di Governo e dell’operato del suo presidente Giorgia Meloni

Ma non sarà il caso di mettere da parte una certa galanteria, diciamo così, che anima commentatori e certi politici, e dire chiaro e forte che la Meloni è un’incompetente assolutamente inadeguata a guidare un Paese come l’Italia?

La vicenda del Mes, l’attacco ritrattato a Draghi, lo stop temporaneo del Parlamento albanese all’ accordo del secolo, la “riforma” costituzionale con il premiato de noantri, il codismo alla politica USA, frutto di ansia da neofita in fila per entrare nel salotto buono, costituiscono palmare evidenza. La legge di bilancio, la seconda dell’attuale Governo, è ancora da definire. A nulla è valsa la blindatura in presenza di una maggioranza divisa su tutto e tenuta assieme del collante del potere.

L’ ultima perla da offrire ai tanti elettori di destra di Calabria e Sicilia, dopo l’autonomia differenziata, è la sottrazione di fondi europei destinati a queste regioni, e dirottati al finanziamento del faraonico quanto velleitario progetto del Ponte di Messina, totem di Salvini.

Per non parlare naturalmente di tutto il resto: un’impressionante carrellata di stupidaggini, strafalcioni istituzionali, vicende giudiziarie che per restare solo al governo hanno coinvolto Santanchè, Dalmastro, Sgarbi. E forse dimentico qualcuno.

Nell’ ultimo dibattito parlamentare il Presidente del Consiglio ha vestito i panni del Capo dell’opposizione, peraltro molto confacenti allo sguaiato e confuso argomentare della signora Meloni, personificazione del miglior Zelig.

Tra camera e senato ha raccontato il falso sulla genesi del Mes, con plateale ostentazione di fax. Ridicola! Un Capo ( o Capa?) di Stato non  piega l’ esigenza di motivazione del proprio elettorato al dovere di decidere per il Paese. Piuttosto che raccontare novelle, come si dice in Toscana, ci faccia cortesemente sapere se il Mes lo vota no. Lei deve decidere.

E basta per favore col vittimismo d’accatto, per cui la colpa è sempre di chi c’era prima, magari scusandosi di aver recitato il nome di Draghi invano.

Intanto sulla 7 è in onda il Federale con l’esilarante Ugo Tognazzi. Film d’altri tempi?..Bucaa!!

Buona notte.

- Spazio disponibile -
- Spazio disponibile -
- Spazio disponibile -
ARTICOLI CORRELATI
- Spazio disponibile -

Le PIU' LETTE

- Spazio disponibile -