Girolamo Gullace: piccoli artisti crescono a Siderno

890

Il dodicenne è improvvisamente esploso tra la cabina di un lido da abbellire, dipingendola, e quadri estemporanei, realizzati sul momento di cui uno, fra gli altri, vedrà a breve la creazione di un murales proprio con uno dei suoi disegni. “Una passione innata in lui”, dicono orgogliosi i suoi genitori. L’esposizione delle sue opere, nei locali della Proloco, sono state anche vendute.

Piccoli artisti crescono. Mai affermazione più limpida e luminosa fu appropriata per Girolamo Gullace, di Siderno, e per il suo altrettanto limpido e luminoso sorriso, quello dei suoi dodici anni. E, osiamo dire a ragion veduta, per il suo estro artistico, per l’appunto, che è improvvisamente esploso  in questa estate. “Anche se è bene dire che è almeno dall’età di dieci anni che nostro figlio dimostra questa passione, praticamente innata in lui”, affermano con un certo orgoglio i suoi genitori.

E ne hanno ben donde se si considera l’esposizione preventivamente allestita nei locali della Proloco cittadina, di quelle che sono nate così, quasi per gioco o, per meglio dire, dalla cabina di un lido sulla splendida spiaggia sidernese. Sì, proprio così, una cabina abbellita grazie proprio ai dipinti di Girolamo che, da un semplice logo, è andato poi a decorare tutta la sopraccitata struttura e qualcosa in più. Tanto per lui è un giochino, anzi, una vera e propria passione nel mentre i suoi coetanei si divertono fra capriole, corse a perdifiato dietro ad un pallone, tuffi in acqua e quant’altro.

Per Girolamo c’è spazio per questo, così come vivono allegramente i suoi amici, ma anche per molto altro usando i colori e tutto ciò che gli consente di decorare, rendere più bello facendolo uscire dall’anonimato di un grigio spento o di un bianco smorto, tanto per dire, “Di tanto in tanto si dimostra riflessivo, anche taciturno proprio perché parla poco ma, forse, è il suo modo di essere” – si schermisce la mamma indicando uno dei suoi ultimi capolavori, non tradendo una certa emozione per qualcosa che sta assumendo una connotazione ben precisa, un’identità fresca, ariosa, quella tipica di un piccolo artista, come si diceva.

Che, figlio dell’innocenza tipica dei suoi anni, vede apprezzata la propria arte, come nel caso dell’esposizione di alcuni dei suoi prodotti artistici, nei locali della Proloco di Siderno che, come si diceva poc’anzi, di primo acchito sembrava un qualcosa di leggero, tanto per dilettare gli occhi ed i sensi della gente comune poi, però, ecco arrivare niente poco di meno che la vendita!

E sì perché il buon Girolamo, con sua enorme sorpresa e consequenziale soddisfazione, si è trovato di fronte a chi desiderava acquistare le proprie opere, per un indice di gradimento inconfutabilmente schizzato verso l’alto, da strappare convinti applausi e, a quanto pare, anche qualcosa in più posto che “A breve uno dei suoi ultimi soggetto è stato già individuato e proposto per la realizzazione di un murales” – ci aggiunge con comprensibile orgoglio il papà che, unitamente ad amici e conoscenti, giustappunto sul lungomare “Iannopollo” di Siderno si godono le gesta artistiche di questo validissimo ragazzo, corredate dal suo, meraviglioso, sorriso, quello degli anni suoi più belli, che vedono tanta voglia di fare, di essere ciò che sente, com’è giusto che sia alla sua età.

Chapeau, Girolamo, e…Ad maiora semper!