Hasta la Victoria siempre! Compagno Fortunato

229

Franco Arcidiaco

Addio carissimo Fortunato, ho il cuore a pezzi. Intellettuale colto e appassionato, uomo di grande umiltà e tenacia. Rimarrà indelebile la memoria dei nostri viaggi a Polsi per ricordare il nostro grande amico Pasquino Crupi. La tua terra, la tua amata San Luca che ti ha voluto “cittadino illustre” sta piangendo lacrime amare per la perdita del suo raffinato cantore. Avevamo ancora tanti progetti da realizzare, un mese fa mi hai scritto di accelerare sulla pubblicazione delle tue Novelle aspromontane: “Vorrei vederle pubblicate prima del viaggio estremo”, non ti ho preso sul serio, ne avevi superate tante, ed ero convinto che avresti superato anche questa, mi sbagliavo. Ti ho perso, non rivedrò più il tuo sorriso bonario e affettuoso; mi rimane il ricordo gioioso della scorsa primavera, quando ti sei precipitato a Reggio per assistere alla prima teatrale del tuo “Giulia e la luna” realizzata dalla compagnia di Teresa Timpano, eri emozionato come un principiante e a fine spettacolo il grande abbraccio corale con spettatori, regista e attori è stato un gran regalo per tutti. Ti saluto come hai fatto tu con me lo scorso 16 settembre: Hasta la Victoria siempre!