fbpx
mercoledì, Luglio 24, 2024
spot_imgspot_img
HomeApprofondimentiIl comitato No Ponte boccia in toto il faraonico progetto

Il comitato No Ponte boccia in toto il faraonico progetto

Il comitato No Ponte torna alla carica dopo che il consiglio comunale di Villa San Giovanni si è opposto all’ipotesi di progetto per la realizzazione del Ponte sullo Stretto. Dal documento redatto dal consiglio si evince una profonda divergenza tra la visione del comune e quella dell’autorità di sistema portuale dello Stretto in merito al luogo di costruzione dell’opera che, se posta nel punto sbagliato, andrebbe a danneggiare i territori circostanti e non ad aiutarli.

Con questa premessa, il comitato No Ponte ribadisce come il famigerato Ponte sullo Stretto altro non è che uno specchietto per le allodole, un’opera mastodontica utile ad onorare patti elettorali e ambizioni smisurate di una classe dirigente sorda alle necessità dei territori e pronta ad abbattere su questi la scure dell’autonomia differenziata, le cui terribili conseguenze sul meridione d’Italia sono state ampiamente rilevate e analizzate da osservatori e studiosi.

Senza contare che il Ponte stesso sarebbe un inaudito spreco di risorse preziose che potrebbero, invece, essere utilizzate per migliorare veramente la vita dei calabresi: una sanità pubblica efficace e universale, politiche del lavoro serie, infrastrutture vicine ai bisogni quotidiani della popolazione. Ultimo, ma non per importanza, l’opera andrebbe a disintegrare un paesaggio e un ecosistema unici al mondo, ponendosi tra l’altro in un’area ad alto rischio sismico.

Insomma, il comitato No Ponte è sempre più convinto che quest’opera non porterà un reale miglioramento alla Regione e che, anzi, a lungo termine finirà per danneggiarla. Una visione, questa, che col passare del tempo sta unendo sempre più calabresi.

- Spazio disponibile -
- Spazio disponibile -
- Spazio disponibile -
ARTICOLI CORRELATI
- Spazio disponibile -

Le PIU' LETTE

- Spazio disponibile -