Il tempo dei ricordi

222

Ripercorriamo, insieme, gli avvenimenti e i personaggi più importanti che hanno segnato la data del 22 Settembre.

Accadde che:

1907 (115 anni fa): il transatlantico Principessa Jolanda affonda durante il varo. Il piroscafo gemello, il Principessa Mafalda, ebbe però un destino ancor più terribile perché oltre 300 persone perirono in un disastroso incidente. Il Principessa Jolanda e il Principessa Mafalda erano due piroscafi costruiti per il Lloyd italiano che portavano i nomi delle due figlie di re Vittorio Emanuele III e della regina Elena. Quella mattina, appena terminata la corsa sullo scivolo del varo e toccata l’acqua, la nave si piegò subito su un fianco e cominciò ad imbarcare acqua dagli oblò, non ancora montati. Nonostante fosse stata abbassata l’ancora di dritta per tentare di controbilanciare lo sbandamento e i rimorchiatori cercassero di trascinare lo scafo verso il fondale sabbioso del basso arenile, la nave si inabissò dopo venti minuti, adagiandosi sul fondo del mare sulla fiancata sinistra, mentre la destra rimase a pelo d’acqua.

1994 (28 anni fa): il network televisivo americano NBC trasmette la prima puntata di Friends, la sit-com ideata dalla coppia David Crane e Marta Krauffman. La sit-com si svolge completamente a New York nel Village e gioca su un racconto corale che coinvolge i sei amici protagonisti, Ross (David Schiwimmer), Chandler (Matthew Perry) e Joey (Matt LeBlanc), Rachel (Jennifer Aniston), Monica (Courteney Cox) e Phoebe (Lisa Kudrow), mettendone in scena le tragicomiche avventure sentimentali e le storie personali di ciascuno del gruppo, riuscendo ad affrontare anche con grande profondità tematiche più importanti e impegnative. Friends si è conclusa ufficialmente, dopo ben 10 stagioni, il 6 maggio 2004, lasciando incollati allo schermo 52 milioni di spettatori e segnando il record di episodio più visto del decennio. Conquistandosi un successo senza precedenti, Friends è diventata il modello di un tipo di commedia intelligente e leggera e ha fatto un po’ da mamma ad altri grandi serie dello stesso filone.

Scomparso oggi:

2008 (14 anni fa): muore, a Bovalino, Antonio Delfino scrittore e giornalista. Nato, a Platì, il 5 novembre 1934 è stato un giornalista controcorrente, coraggioso e senza peli sulla lingua. Ha scritto su riviste e giornali accreditati come “Il Tempo” e “Libero”.

Lo ricordiamo ripubblicando un articolo di Rosario Vladimir Condarcuri, dal titolo “Toto Delfino, la penna dell’Aspromonte”

Una mattina sono in redazione, suonano alla porta, apro e vedo un signore che mi guarda sorridendo e mi chiede “il Corriere della Sera?”. Io rimango sorpreso e non riesco a reagire, lui immediatamente mi dice: “Ero venuto a cercare un posto per le pulizie”. In questo modo ho conosciuto Toto Delfino, un degno scrittore e persona che mi ha voluto bene. Certo, sono fortunato, questo me lo ripeto per non dimenticarlo; ho avuto molte persone che hanno migliorato la mia formazione e crescita professionale. Toto Delfino è stata una di queste persone. Ricordo le prime volte che veniva a trovarci era sempre sorridente e strafottente. Sapeva che al nostro giornale piaceva pubblicare gli articoli scritti bene, e lui sapeva scrivere bene. Ci faceva soffrire, perché veniva durante la settimana, parlavamo di quello che si preparava per l’uscita della domenica, ci riempiva di dubbi e poi ci faceva attendere fino a tarda sera il suo pezzo. All’epoca mandavamo in stampa il sabato pomeriggio e chiudevamo le pagine il venerdì notte, verso le undici. A mezzanotte sentivamo squillare il fax, era l’articolo di Totò. Tremila battute quasi precise che riempivano le nostre menti di contenuti e sicurezza di avere migliorato il giornale anche quella settimana. Ricordo l’emozione nel leggere il pezzo di Totò che poi andava riscritto, alcune volte si faceva a gare per leggerlo per prima. Ricordo questi episodi come tra i più esaltanti dell’avventura della Riviera. Lui era un tipo che parlava al telefono con Vittorio Feltri, aveva scritto la storia della nostra regione per giornali che erano giornali, negli anni d’oro del “Tempo” guidato da Gianni Letta lui era il corrispondente di punta, come per l’Europeo e il Giornale, aveva avuto direttori come Montanelli, è stato testimone di fatti storici del nostro territorio. Ricordo ancora quando ci fece vedere i servizi e e le foto del ritrovamento dei Bronzi di Riace, oppure il suo archivio unico sulla stagione dei sequestri di persona. Per noi era uno da ascoltare e riascoltare senza fine. Molto ci ha dato e molto ci ha insegnato. Sicuramente tra i tanti “grandi” che hanno scritto su questo giornale, Totò e stato tra i più grandi. Forse il numero uno sulla scrittura di tremila battute. Ricordo, infine, che abbiamo pubblicato una sua rubrica che era stata pubblicata dieci anni prima sul “Tempo” che raccontava in breve i fatti di Calabria, rubrica che dopo dieci anni manteneva uno stile attualissimo. Per molti Delfino è stato un grande scrittore, fotografo e giornalista, per me è stato sicuramente un maestro di vita e di giornalismo.