Il tempo dei ricordi

105

Ripercorriamo, insieme, gli avvenimenti e i personaggi più importanti che hanno segnato la data del 14 marzo.

Accade che:

1861 (160 anni fa): il tricolore diviene la bandiera del Regno d’Italia, anche se la legge che ne definì la forma ufficiale è arrivata solo nel 1923. Questa bandiera, che per la prima volta in Italia non era più un’insegna dinastica, ma l’emblema di una nazione, divenne il simbolo della rivolta che animava e univa tutta l’Italia: il Risorgimento. Con l’Unità ai tre colori si aggiunse l’azzurro, colore distintivo della famiglia Savoia, inserito nella bandiera del Regno d’Italia sul contorno dello stemma, per evitare che la croce e il campo dello scudo si confondessero con il bianco e il rosso delle bande del vessillo; da allora è uno dei colori di riferimento e riconoscimento dell’Italia. Con essa si sancì che la Bandiera Nazionale era quella con lo stemma della Casa Savoia, mentre la Bandiera di Stato aveva lo stemma sormontato dalla Corona.

1972 (49 anni fa): Giangiacomo Feltrinelli, fondatore della casa editrice Feltrinelli e, nel 1970, dei GAP (Gruppi d’Azione Partigiana), una delle prime organizzazioni armate di sinistra della stagione degli anni di piombo, rimane ucciso in un’esplosione vicino ad un traliccio dell’alta tensione a Segrate (Milano). Il cadavere verrà scoperto il giorno dopo  da un contadino A distanza di tanti anni, ancora c’è chi si interroga se a uccidere uno dei più grandi editori italiani del Novecento sia stata una fatalità o se si sia trattato di un omicidio politico.

Scomparso oggi:

1883 (138 anni fa): muore a Londra Karl Marx filosofo, economista, sociologo, storico, giornalista e politico tedesco. Nato a Treviri (Germania) il 5 maggio 1818, Il punto di partenza del pensiero del foilosofo  è la scissione moderna fra Stato e Società civile.  L’idea di società di Marx si identifica con un modello di democrazia sostanziale o totale (comunismo), in cui vi è una fusione fra singolo e genere, individuo e comunità.