Il tron(c)o di Arturo

73

Il caro Arturo Rocca con quel nome poteva evitare di sedersi nel tronco del castagno di quasi mille anni. Primo, perché non ci avrebbe indotto nella tentazione di fare un gioco di parole, secondo perché alla sua età è pericoloso. Comunque, salire a Pietra Cappa in mezzo alla natura incontaminata, tra i resti di una civiltà, che in questi luoghi ci ha lasciato in eredità una fortuna di opere e libri, degustando il cibo che solo gli animali che vivono l’Aspromonte sanno dare. È stata un’esperienza bellissima per la quale lo vogliamo ringraziare.