Inciviltà urbana

244

Solo partendo da noi stessi possiamo migliorare la situazione e soprattutto eliminare i pregiudizi e la visione e convinzione inurbana del Sud, ormai secolare.

Il divario ben noto che esiste tra Nord e Sud Italia si può scorgere quotidianamente, anche nelle persone irrispettose alla guida di un’auto, come le tante occasioni in cui io mi sono ritrovata, ma come me altri cittadini, da pedone a dover attraversare le strisce pedonali e ripetutamente, auto dopo auto non te lo permettevano. Alcuni addirittura trovandosi in prossimità delle strisce acceleravano volontariamente, facendoti capire che dalla loro parte non davano alcuna speranza nel passaggio. A mio parere, sono gesti ingiusti e intollerabili. Persone che non rispettano il codice della strada ce ne sono parecchie, ed ahimè, mi rammarica dirlo, ma al Sud particolarmente e non possiamo negarlo. Affermando ciò, non mi permetterei mai di dire che non ci siano invece, altrettanto persone che sono ligie ai regolamenti stradali e manifestando comportamenti educati verso gli altri. Vivendo nel meridione, tutti noi abbiamo sentito, una o più volte dirci che al Nord raramente accadano situazioni del genere, che le persone sono molto più educate, cortesi, rispettando le norme stradali, quindi è ormai risaputo. Tutto ciò non bisogna vederlo come superiorità della parte settentrionale, ma come una pura realtà sociale differente. Perciò con diligenza, impegno e un comportamento gentile avremmo, anche al Sud, gli stessi traguardi e potremmo scongiurare questi tipi di atteggiamenti incivili.

Infine, solo partendo da noi stessi possiamo migliorare la situazione e soprattutto eliminare i pregiudizi e questa visione e convinzione inurbana del Sud, ormai secolare.

Melissa Ubaldo