Incontro non formale dell’assessore Minasi con le associazione e l’Asp

57

Riceviamo da parte delle associazioni che lavorano nel sociale questo comunicato dove si annuncia l’incontro con l’assessore regionale.

L’assessore regionale alle politiche sociali Tilde Minasi sabato 12
cm alle ore 11,00 sarà a Locri per conoscere i disabili, il personale
e la struttura del Centro di Recupero Neurologico dove sono ospitati
16 disabili gravi. Con l’occasione incontrerà il gruppo di
associazioni pro disabili del centro UNITALSI, COMMATRE, ADDA, AUSER
NOI CI SIAMO, CROCE VIOLA, UNICEF GIOIOSA ed altre organizzazioni) ,
nonché dirigenti ASP e rappresentanti istituzionali. Il tutto nel
rispetto delle norme covid. E’ stata invitata a partecipare tutta la
stampa del cartaceo, on line e televisioni. “Non si tratta di
spettacolarizzare o di fare passerella -ha detto l’assessore e
senatrice Tilde Minasi- ma si tratta di una doverosa visita a queste
persone speciali, sentire le associazioni ed incontrare la dirigenza
ASP”. Si ricorda che da oltre sei mesi non veniva erogato il servizio
vitale della fisioterapia ai sedici disabili e che a seguito della
segnalazione-denuncia delle associazioni la scorsa settimana il
servizio è ripreso con un provvedimento tampone nell’attesa di
decisioni definitive. In merito il gruppo di associazioni ha chiesto
alla Direttrice del Distretto Sanitario della Locride, titolare della
gestione del centro, se è ancora in atto la situazione tampone con una
fisioterapista impegnata due volte a settimana per tre ore a seduta,
per complessive nove ore settimanali. Una scelta che le associazioni
hanno subito valutata inadeguata alle obiettive necessità dei
disabili, decidendo però di pronunciarsi solo dopo aver conosciuto i
provvedimenti definitivi. Nel frattempo è stato formulato l’auspicio
per una conferma del precedente protocollo ASP – Distretto Sanitario-
Ospedale di Locri – Reparto riabilitazione dell’ospedale, in termini
di qualità e quantità del servizio fatto in precedenza dal personale
specializzato del reparto riabilitazione dell’ospedale di Locri.
Infatti il precedente lavoro è stato frutto di una analisi
professionale specialistica puntuale ed eticamente adeguata alle
necessità dei disabili secondo la loro personale condizione. In
sostanza una programmazione personalizzata ben valutata e ben fatta
dagli specialisti fisiatri del Reparto Riabilitazione dell’Ospedale di
Locri e ottimamente messa in atto dai fisioterapisti dello stesso
reparto (che tra l’altro hanno dato un supporto psicologico notevole,
utile e graditissimo dalle persone disabili), utilizzando due
professionisti attivi ed esperti per due ore ciascuno in
contemporanea, per cinque giorni alla settimana e quindi per
complessive 20 ore, rispetto alle 6 della soluzione tampone.

Vincenzo Logozzo referente Gruppo delle Associazioni Pro Disabili
Centro di Recupero Neurologico di Locri UNITALSI, COMMATRE, ADDA,
AUSER NOI CI SIAMO, CROCE VERDE, UNICEF ed altre organizzazioni del
settore.