La Fondazione Nazionale Corrado Alvaro Compie un quarto di secolo

128
Foto: Rerum Romanorum

La mattina del 24 gennaio del 1997, nella sala del consiglio comunale di San Luca, si sono riuniti i rappresentanti legali dei vari Enti fondatori per la costituzione formale e per l’approvazione del relativo Statuto della Fondazione Corrado Alvaro. 

Alla presenza di don Massimo Alvaro fratello del grande scrittore, e dei vari rappresentanti degli Enti fondatori: per la Regione: Il Presidente Nisticò e l’Assessore alla cultura dell’Ente regionale Antonella Freni; del Presidente della Provincia di Reggio Calabria: Pirilli e dell’assessore dello stesso Ente Ceravolo; del Preside della facoltà di Lettere e filosofia dell’Università degli studi della Calabria  Crispini; Del Sindaco di San Luca Francesco Pelle e del Vice Sindaco Bruno Bartolo e del gruppo del Comitato promotore dell’Ente culturale tra cui: Padre Stefano De Fiores Teologo, Don Pino Strangio parroco, Fortunato Nocera, Aurelio Pelle e altri. Il notaio ha letto lo Statuto da approvare composto da 16 articoli e l’Atto Costitutivo, entrambi approvati all’unanimità. È cominciata così la vicenda della Fondazione Corrado Alvaro. Fu eletto Presidente Padre Stefano De Fiores e costituito il C.d.A. Padre Stefano tenne la carica di Presidente per i primi tre anni. Per motivi inerenti i suoi tanti incarichi nell’ambito delle Università Pontificie e per impegni attinenti la direzione di riviste e le sue numerose pubblicazioni teologiche non ha potuto ripetere la sua Presidenza. Dal maggio del 2000 è Presidente della Fondazione il Professor Aldo Maria Morace dell’Università di Sassari, ora in pensione. I primi anni di attività della Fondazione furono esaltanti. Il Presidente Morace ha messo tutto il suo impegno e coinvolto le sue numerose conoscenze  nel mondo accademico, per organizzare e realizzare: mostre fotografiche itineranti, anche nella capitale, Convegni Nazionali in tutte le più importanti città d’Italia, e internazionali (Madrid, Salamanca, Berlino) pubblicazione di oltre quaranta volumi inerenti la produzione letteraria di Alvaro, Organizzazione e realizzazione del Premio Letterario Nazionale, giunto alla tredicesima edizione  Organizzazione dei centri di Scrittura creativa, con lezioni tenute da scrittori e giornalisti famosi,  che hanno attirato a San Luca allievi da tutta Italia. Realizzazione di una preziosa collana titolata “Studi e testi alvariani” alla quale hanno collaborato con i loro scritti i maggiori studiosi e critici dell’opera di Alvaro. La collana ha raggiunto il settimo volume. Nel corso degli anni sono stati pubblicati anche una serie di “Quaderni alvariani” e di “Agende Alvariane”, oltre che la pubblicazione annuale del “Calendario Alvariano” per la cui realizzazione hanno collaborato anche gli Istituti d’arte della Locride. Incontri con gli allievi della scuola locale.

Oggi, purtroppo, per motivi che non si riesce a comprendere, sono venuti a mancare i contributi degli Enti fondatori e la Fondazione non riesce più a realizzare i programmi che si prefigge, specie il Premio Nazionale Corrado Alvaro che aveva raggiunto ottimi livelli di importanza nell’ambito dei Premi Nazionali. Noi riteniamo che il migliore investimento per rialzare le sorti sociali ed economiche di San Luca e anche della Calabria sia d’investire e credere nello sviluppo della Fondazione che, nel corso di quasi tre decenni, ha dimostrato il suo valore e la sua importanza per alzare il livello culturale della Regione. La lotta al malaffare si fa, soprattutto, con l’innalzamento del livello culturale.