La tarantella della legalità

573

Buongiorno, Tiru lala tiru lalero tiru lalere lalalala

Roderigo De Castiglia

Ieri mattina, come succede spesso, Siderno si è svegliata al suono della tarantella. Un gruppo di giovani studenti si sta impegnando per allietare le mattinate dei sidernesi. Fin qui tutto normale, anzi, devo dire che la tarantella mi piace e questo suono porta un pizzico di allegria nelle mie giornate. Ma. Se per un secondo spostassi il mio punto di vista ed iniziassi a vedere questo fatto con gli occhi di un amministratore comunale oppure di un componente delle forze dell’ordine, non potrei stare così tranquillo. Perché è evidente che questi ragazzi dovrebbero essere a scuola a studiare, è evidente che questi ragazzi disturbano la quiete pubblica se vanno in giro per il paese a suonare degli strumenti come tamburelli e fisarmonica, è evidente che una povera pensionata, se questi si fermano sotta la propria casa subisce un disturbo, è evidente che se un figlio che deve andare a scuola ed esce di casa con la fisarmonica a scuola non ci sta andando. Per cui mi chiedo, ma questa è legalità? Forse no, però sicuramente è tollerata dalla legge, visto che suonano a poche decine di metri dal commissariato. Non so, ma questo paese sta diventando strano. Ad ogni modo domani mattina sono sicuro che sentiremo le note della tarantella.