Le Pasticceria Reggine sono stremate: da Siderno segnale drammatico

913

L’associazione Provinciale Pasticcieri di Reggio Calabria, è vicina al collega di Siderno, che ha assunto la decisione di tenere aperta l’attività, solo mezza giornata a causa del costo fuori controllo delle bollette energetiche.

L’iniziativa del nostro collega pasticciere di Siderno che ha deciso di tenere aperta l’attività, solo mezza giornata a causa del costo fuori controllo delle bollette energetiche, non sarà un caso isolato nel prossimo futuro.

Anzi, il rischio che avanza, è la chiusura non parziale ma totale delle attività, senza provvedimenti radicali e immediati del costituendo governo.

L’associazione Provinciale Pasticcieri di Reggio Calabria è vicina al collega che ha assunto questa decisione ed è consapevole delle gigantesche difficoltà di tutta la categoria. Noi stringiamo la cinghia e i denti, perché non vogliamo rinunciare alle nostre attività costruite con immensi sacrifici ma anche con enorme passione. La pasticceria è la nostra vita e non intendiamo certo rinunciarci, senza lottare. È necessario che si intervenga rapidissimamente per dare speranza e prospettiva, non solo a noi imprenditori ma anche alle miglia di dipendenti che quotidianamente insieme a noi lavorano. Le soluzioni ci sono e sono state tutte sottoposte all’attenzione della politica nazionale, ora è il tempo della risposte.

Antonello Fragomeni

Presidente Provinciale Artigiani Pasticcieri Reggini