Lega Pro. Il tabù play-off colpisce nuovamente il Catanzaro

41
albinoleffe Catanzaro
(Beffa per il Catanzaro nel ritorno con l'Albinoleffe - Fonte: Instagram - @usalbinoleffe)

Il Catanzaro non riesce a superare il tabù dei play-off e, contro ogni previsione, viene eliminato dalla rincorsa all’ultimo posto utile per la promozione in Serie B.

I giallorossi sembravano avere tutte le carte in regola per puntare al turno successivo, avendo due risultati utili a favore e un miglior piazzamento in classifica rispetto ai lombardi, ma sono stati nuovamente beffati nei minuti finali dei quarti di finale. A decidere il match è stata la parabola su calcio piazzato di Francesco Gelli che ha consentito all’Albinoleffe di staccare il pass per la semifinale contro l’Alessandria.

La gara del “Ceravolo” è stata particolarmente tirata e dura a livello fisico ma le occasioni da rete non si sono fatte attendere con Raffaele Di Gennaro e Alberto Savini chiamati in diverse occasioni a difendere lo specchio della propria porta. Quando il match sembrava avviarsi verso un pari tutto sommato giusto però Gelli, che nella prima frazione aveva scheggiato un palo sempre su calcio piazzato, ha mandato i suoi in vantaggio garantendo loro la qualificazione. Per il Catanzaro una doppia beffa, considerando che anche nel match d’andata la rete del pari lombardo era arrivato nei minuti conclusivi.

Ora per le aquile non resta che la prospettiva di un’altra stagione in una Lega Pro che sembrerà di fatto una Serie B2: oltre al ritorno del Cosenza, infatti, ci saranno da affrontare formazioni titolate come Palermo, Bari, Pescara e Messina. Un girone da far tremare i polsi.

Formazioni e note

Catanzaro – Di Gennaro; Scognamillo (dal 40’ st Jefferson), Fazio, Gatti; Garufo (dal 11’ pt Pierno), Verna, Baldassin, Di Massimo (dal 31’ st Parlati), Contessa (dal 1’ st Porcino); Carlini; Curiale (dal 31’ st Evacuo). Allenatore: Antonio Calabro

Albinoleffe – Savini; Mondonico, Canestrelli, Riva; Borghini (dal 24’ st Petrungaro), Gelli, Genevier (dal 12’ st Nichetti), Giorgione (dal 38’ st Maritato), Gusu (dal 12’ st Tomaselli); Manconi, Cori (dal 24’ st Gabbianelli). Allenatore: Marco Zaffaroni

Arbitro: Nicolo’ Marini di Trieste – Assistenti: Rinaldi – De Pasquale IV uomo: Carrione
Ammoniti: Contessa, Scognamillo, Pierno (C), Borghini, Gelli (A)