Maturità 2022: cosa ci aspetta?

1365

Abbiamo chiesto ad una ragazza della Locride, che frequenta l’ultimo anno di liceo, il suo pensiero su uno degli esami più importanti della loro vita, ovvero l’esame di maturità e quali emozioni sta provando, nell’attesa di sapere come si svolgerà quest’anno.

I prossimi maturandi del 2022 si trovano alla metà del loro percorso scolastico, ritrovandosi però, perplessi sul da farsi, poiché ancora non sono state pronunciate precise direttive da seguire per tutte le scuole italiane, in vista degli esami di Stato. Se non fossimo stati in questa situazione particolare, come negli anni precedenti, agli inizi di gennaio era già tutto programmato e sicuro, invece non è così.

Dunque, sono delle decisioni essenziali che andrebbero prese in tempi stretti e non temporeggiare, affinché gli studenti si preparino al meglio per raggiungere il proprio traguardo. L’esame di Maturità, nel corso degli anni, non è rimasto sempre lo stesso, ma è mutato e ha subito tanti cambiamenti innovativi.

I cambiamenti fatti dallo Stato Italiano sono sempre ben accetti, hanno lo scopo di mettere alla prova gli studenti permettendogli di superarsi e di non porre fine alle proprie capacità, abilità e talenti.

Credo che li facciano per trasmettere il messaggio che bisogna essere sempre elastici ed ingegnosi davanti alle situazioni e le difficoltà, qualora si riscontrassero. Quindi, in questo caso, possiamo liberalmente affermare che non sempre il classico ed il convenzionale  sia l’unica scelta, l’unica possibilità alle cose, perché ci sono tante vie da scoprire.

Su questo argomento, è naturale avere delle idee contrastanti, differenti, ma penso fermamente che i cambiamenti opportuni vengano fatti qualora si migliorasse un qualcosa e non peggiorarne la situazione.

Ritornando all’esame di Stato, per quanto riguarda le varie prove che si sostengono, come gli scritti di diverse discipline e la prova orale, spero che non si faccia lo stesso errore di rimuovere gli scritti dall’ esame come l’anno precedente e quindi che ci siano, poiché a mio avviso sono essenziali a verificare le capacità dello studente e, un altro fattore molto importante, a mettersi alla prova con la nostra lingua madre, se si trattasse di un tema di italiano, ma come l’ italiano qualsiasi altra materia in un esame scritto. Affermò ciò, perché sono favorevole che gli studenti dovrebbero essere esaminati anche da questo punto di vista, ovvero di possedere o no l’abilità di scrivere e di fronteggiarsi al meglio.

Concludo ricordando che dobbiamo tenere presente che ci sarà  sempre la certezza che gli studenti meritevoli emergeranno lo stesso nelle loro capacità, in qualsiasi decisione verrà presa.

Melissa Ubaldo