Minasi: grave che non sia garantito il servizio al Centro di recupero locrese

76

L’Assessore regionale alle Politiche Sociali, Tilde Minasi, afferma come non sia accettabile il fatto che non sia garantito il servizio, da mesi, al Centro di recupero di Locri.

Il grido di allarme e dolore che proviene dal portavoce del gruppo di associazioni pro disabili del Centro recupero neurologico di Locri non può lasciare indifferenti.

La fisioterapia per determinate categorie di pazienti è un processo fondamentale, riveste un ruolo di rilevanza assoluta nelliter di ritrovamento dellautonomia mentale e fisica o quantomeno nel permettere a chi ne usufruisce di sfruttare al massimo le sue capacità residue.

Ed è proprio alla luce di queste considerazioni che non è accettabile che tale servizio, da mesi, non sia garantito al Centro di recupero locrese.

I diversamente abili, poco conta se lo siano per una condizione momentanea o permanente, devono avere a disposizione tutti gli strumenti esistenti affinché si possano attenuare difficoltà e disagi e affinché vengano fornite adeguate risposte alle diverse esigenze che non sono solo di cura, ma anche di integrazione e gestione della quotidianità.

Sicura della sensibilità del presidente Roberto Occhiuto su certe tematiche, oltre a sottoporgli a stretto giro la problematica vissuta da questi malati e dalle rispettive famiglie, mi farò portavoce verso gli uffici dell’Asp di Reggio Calabria, ed in particolare verso il commissario Scaffidi in modo che si individui una risoluzione celere e condivisa e non si lascino i pazienti in balia degli eventi e i loro cari magari costretti a cercare delle strade alternative per lo svolgimento della terapia: strada che tra l’altro, per svariate ragioni, non tutti possono percorrere.

Quindi, a prescindere dai motivi che hanno causato questo grave disservizio, oggi è importante ritornare alla normalità con il ripristino dello stato antecedente e non abbandonare chi già convive con situazioni complicate e deve persino preoccuparsi di ottenere un diritto imprescindibile come, appunto, quello alla salute.