Narcotraffico, moglie del “El Chapo” Guzmán si dichiara colpevole

309

Emma Coronel Aispuro è la donna sposata con il capo del cartello di Sinaloa, Joaquín “El Chapo” Guzmán. Arrestata a febbraio all’aeroporto internazionale di Dulles, in Virginia, ha dichiarato anche aiutato a organizzare l’evasione del marito nel 2015.

Emma Coronel Aispuro, più giovane di 32 anni del capo del cartello di Sinaloa Joaquín “El Chapo” Guzmán ed ex reginetta di bellezza, si è dichiarata colpevole per 3 capi d’accusa collegati all’impresa illegale del coniuge. Durante il processo, infatti, sono state presentate prove schiaccianti, tra queste risultano: come la donna avesse contatti con gli uomini di fiducia di Guzmán per continuare a far girare l’attività del marito; il suo avere aiutato nell’organizzare l’evasione del marito dal carcere di massima sicurezza di Altiplano, vicino a Toluca, in Messico, nel 2015 dopo un inseguimento durato un anno e la cattura in un albergo di Mazatlan.

La donna è stata fermata alcuni mesi fa, pensando che avrebbe offerto al governo statunitense informazioni preziose sugli alleati del marito e sui partner in affari in cambio di una sentenza più leggera. Così non è stato, in quanto l’accordo raggiunto con le autorità pertinenti non comprende nessuna collaborazione.

I suoi avvocati hanno presentato una richiesta di patteggiamento, per i reati di cui è accusata potrebbe comunque essere condannata all’ergastolo e a pagare multe fino a 10 milioni di dollari (più di 8 milioni di euro).