‘Ndrangheta, condanna di 13 anni per il boss Giuseppe De Stefano

121

Sentenza emanata dalla Corte d’appello di Reggio Calabria, la pena per il boss di Archi, ritenuto il capocrimine della ‘ndrangheta reggina, è stata rideterminata rispetto ai 27 anni di reclusione inflitti nel primo processo.

Condannato a 13 anni di carcere, il boss Giuseppe De Stefano, collegato al maxi-processo “Meta”, iniziato nel 2007, che ha le sue origini dall’attività investigativa che si concentrava sul boss Pasquale Condello, detto “il Supremo” . Il giudice Giancarlo Bianchi ha deciso questa condanna nonostante i 27 anni di reclusione inflitti nel primo processo.

Il processo era nato da un’inchiesta del Ros, coordinata dal procuratore aggiunto Giuseppe Lombardo e dal sostituto procuratore generale Domenico Galletta, all’epoca entrambi sostituti della Dda di Reggio Calabria.

Sono stati condannati anche il boss di Sinopoli Cosimo Alvaro (7 anni e 4 mesi), Domenico Condello (10 anni), l’ex sindaco di San Procopio Rocco Palermo (2 anni e 6 mesi) e Antonino Crisalli (2 anni e 11 mesi). Sono stati assolti, invece, Antonio Giustra e Umberto Francesco Creazzo.