fbpx
domenica, Marzo 3, 2024
spot_img
HomeApprofondimentiNerio Nesi, il ministro che disse NO al ponte

Nerio Nesi, il ministro che disse NO al ponte

Bruno Gemelli ci parla di Nerio Nesi, il ministro che disse no a ponte, ripercorrendo brevemente la vita politica, gli incarichi e le opere.

Bruno Gemelli

È morto all’età di 99 anni Nerio Nesi, già presidente della Banca Nazionale del Lavoro (poi diventato presidente onorario, carica confermata il 2 febbraio scorso dall’assemblea dei soci fondatori) e direttore finanziario della Olivetti. Bolognese di nascita e torinese di adozione era chiamato il “banchiere rosso”. Da banchiere aveva aver stracciato il velo di riservatezza, o meglio di segretezza, che accompagnava storicamente gli istituti di credito. Iniziò a occuparsi di politica come lombardiano nel Psi, ma poi finì la carriera politica prima in “Rifondazione comunista” e poi con Armando Cossutta nei “Comunisti italiani”.

Aveva una predilezione per gli studi su Cavour di cui fu presidente dell’omonima fondazione. È stato ministro dei Lavori pubblici nel governo Amato II tra il 200 e il 2001 e, in tale veste, disse NO alla costruzione del ponte sullo Stretto di Messina scrivendo, successivamente, un saggio per spiegarne le motivazioni (“L’ultimo ministro dei lavori pubblici che disse: no al ponte sullo Stretto sì al Mose di Venezia”, Editore Aragno, 2023).

- Spazio disponibile -
- Spazio disponibile -
- Spazio disponibile -
ARTICOLI CORRELATI
- Spazio disponibile -

Le PIU' LETTE

- Spazio disponibile -