Pilastro hip hop italiano: “Gvesvs”, settimo album di Guè

77

Il Rap ringrazia ancora una volta Guè, che benedice la cultura Hip Hop con il suo settimo album solista “Gvesvs”. 

Secondo album più ascoltato al mondo, sopra Tory Lanez, Rick Ross e Alicia Keys, subito dopo l’album postumo di Juice Wrld, il rapper milanese ci porta ancora una volta nel suo street cinema. Gvesvs è un disco puramente Rap, dove sono chiare le influenze Underground ma anche le sonorità new wave. 

Il pezzo di apertura, “La G la U la E pt.2”, è prodotto da uno dei pilastri dell’Hip Hop underground italiano: Dj Shocca aka Roc Beats. Qui Guè rivendica il suo peso specifico nell’industria, ricordando che è ancora oggi di ispirazione per molti artisti emergenti e soprattutto il promotore di uno stile unico e ben definito.

Chi è il primo italiano coi rollie veri ad avere un conto a sei zeri?

G-U-È

Chi ha ispirato generazioni e i rapper di ‘sti quartieri?

G-U-È

La street più ben disegnata, la bitch più desiderata

G-U-È

Il cinema di strada, la meglio droga cantata

G-U-È

L’album è colmo di featuring internazionali di spicco come Rick Ross, Dutchaveli e Jadakiss. Non mancano, ovviamente, i rapper italiani quali Marracash, Salmo, Geolier, Ernia, Ketama e Franco 126 con un’aggiunta di cantautorato grazie ai contributi di Elisa, Coez e Rose Villain. 

Gvesvs è un album dalle mille sfaccettature, che mischia sonorità underground a quelle new wave, il tutto colmato da un filo conduttore ben preciso su cui Guè cammina praticamente a piedi scalzi. 

L’immaginario sonoro che il rapper milanese ha creato negli anni è sempre in primo piano, quello che lui stesso chiama “cinema di strada”, come se i brani fossero la sceneggiatura di un film. Questo, mischiato ai tecnicismi, lo stile grezzo e le liriche taglienti rende Guè ancora oggi uno dei rapper più apprezzati in Italia.

Piergiorgio Greto Melia