fbpx
giovedì, Febbraio 22, 2024
spot_img
HomeApprofondimentiPolistena: grande partecipazione studentesca per la Giornata della Memoria

Polistena: grande partecipazione studentesca per la Giornata della Memoria

Aldo Polisena, presidente Associazione “Alioscia”, ci parla dell’incontro tenuto a Polistena con gli studenti in merito a resistenza, Shoah e 25 aprile

Grande partecipazione ed interesse si è registrato nell’incontro tenuto al Cinema Garibaldi organizzato dal Liceo scienze umane-Liceo economico sociale-Liceo linguistico-Liceo Musicale  del quale è Dirigente la Dottoressa Francesca Maria Morabito e al quale hanno relazionato: Aldo Polisena Presidente dell’Associazione “Alioscia”; Nicola Marazzita responsabile zonale dell’Associazione Anei (ex deportati):Francesco Tropeano storico ed autore del saggio “Il patto dell’oblio”(Narrativa storica).Ad inizio  dell’assemblea è stato proiettato un video che racconta la vita e la storia del Partigiano Alioscia(Franco Sergio) le cui spoglie giacciono a Maropati.

Polisena  dopo aver ricordato gli orrori della Shoah “11 milioni di ebrei, zingari, omossessuale ed avversari politici del Nazismo) sterminati nei campi di concentramento tedeschi, per cui oggi  sono  79 anni dall’apertura dei cancelli di  Auschwitz da parte dell’armata Rossa a fine del secondo conflitto mondiale e che fece scoprire al mondo gli orrori dei campi di concentramento” ha ricordato la vergogna dell’emanazione delle leggi Razziale in Italia nel 1938 la cui responsabilità cade sul fascismo e sulla Monarchia Sabauda.

“Ma il Secondo conflitto mondiale-ha sostenuto Polisena- ha creato anche il fenomeno della Resistenza ad opera dei Partigiani armati e dei popoli dei paesi europei occupati dai nazisti.” In particolare-Polisena-ha ricordato il grande apporto dato dalle donne Partigiane nella lotta di Liberazione dell’Italia dal nazifascismo.

Subito dopo Nicola Marazzita, figlio di Giuseppe, deportato militare in Germania con il n. 136920, ha raccontato la storia dei deportati militari I.M.I. (internati militari italiani) definiti “Gli schiavi di Hitler” il cui fenomeno riguardò circa 800 mila militari deportati in Germania dopo l’8 settembre del 1943.

Infine Francesco Tropeano ha trattato la questione dei “Confinati Politici” che il fascismo destinò in tanti paesi calabresi ed in particolare ha raccontato la storia commovente e drammatica, di un confinato illustre di Cinquefrondi, il quale, nel 1936, dal Veneto, fu inviato in soggiorno politico nel paese della Piana e poi passò con le formazione Partigiane e a fine guerra divenne il primo Sindaco di Padova nell’Italia Repubblicana.

Dopo alcune letture da parte degli studenti su testimonianze della Resistenza i ragazzi del Liceo Rechichi hanno posto agli oratori tante domande in merito ai temi della giornata.

Si replicherà il 31 Gennaio con la presenza  degli studenti delle terze, quarte e quinte del Liceo  e al quale parteciperà anche il Professore Sandro Vitale, Presidente dell’Associazione venticinqueaprile AMPA (Associazione meridionale partigiani antifascisti) con sede a Reggio Calabria.

- Spazio disponibile -
- Spazio disponibile -
- Spazio disponibile -
ARTICOLI CORRELATI
- Spazio disponibile -

Le PIU' LETTE

- Spazio disponibile -