fbpx
domenica, Luglio 14, 2024
spot_imgspot_img
HomeattualitàPreoccupazioni per l'inquinamento dell'impianto TMB di San Leo

Preoccupazioni per l’inquinamento dell’impianto TMB di San Leo

Il Comitato “Siderno ha già dato” esprime al Sindaco di Siderno, dott.ssa Maria Teresa Fragomeni, e ai mezzi di comunicazione, le preoccupazioni dei cittadini riguardo l’inquinamento causato dall’impianto TMB di San Leo. L’aumento delle temperature estive favorisce la proliferazione di batteri e la produzione di composti nocivi, tra cui idrogeno solforato e composti organici volatili, alcuni potenzialmente cancerogeni. Il Comitato chiede un intervento per prevenire l’esposizione della popolazione e dei turisti a questi pericoli, garantendo un’estate tranquilla e sicura.

Al Sindaco di Siderno,  Maria Teresa  Fragomeni 

Ai mezzi  di comunicazione 

Avvelenamento da emissioni TMB 

 Il Comitato “Siderno ha già dato”, si fa latore delle preoccupazioni dei cittadini in merito all’inquinamento dell’impianto TMB. 

Come ogni inizio d’estate, dobbiamo constatare la situazione difficile in cui vengono a trovarsi le famiglie vicine all’impianto TMB di San Leo. 

E’ assodato  da molti anni,  che l’aumento della temperatura porta una proliferazione di batteri e di conseguenza una maggiore produzione degli elementi odorigeni, cioè maggiore quantità di idrogeno solforato, ammoniaca e composti organici volatili, di cui alcuni potenzialmente cancerogeni, ma che non vengono percepiti dall’olfatto, in quanto non sono odorosi. 

In questi giorni abbiamo i primi preavvisi e vorremmo che i cittadini in primo luogo, ma anche le strutture turistiche e commerciali non debbano essere penalizzati da questi ricorrenti episodi di emissioni di sostanze pericolose. 

In estate con l’arrivo dei turisti, che comporta maggiore produzione di rifiuti, in particolare organico, il trasferimento al TMB comporta il pericolo concreto che i residenti di San Leo in primo luogo, ma anche buona parte della popolazione cittadina, oltre quella di Locri e Agnana, rischia di doversi chiudere in casa per non subire oltre gli olezzi spesso maleodoranti, anche avvelenamento di sostanze pericolose per la salute. 

Riteniamo che nella sua qualità di Sindaco, responsabile della Salute dei cittadini, possa intervenire in tal senso per garantire una estate tranquilla ai residenti  e ai turisti, per salvaguardare la salute e il benessere di tutti e trovare una soluzione affinché si risolva la situazione dell’impianto. 

 

 

 

 

Francesco Martino 

- Spazio disponibile -
- Spazio disponibile -
- Spazio disponibile -
ARTICOLI CORRELATI
- Spazio disponibile -

Le PIU' LETTE

- Spazio disponibile -