Reggio Calabria: torna il laboratorio creativo per bambini e adolescenti

26

L’attività didattica, prevista dalle ore 16:00 alle ore 18:00, è su prenotazione per un massimo di 20 partecipanti accompagnati da un adulto. Malacrino: «L’amore per la cultura inizia dai più piccoli».

Gran finale delle festività natalizie il 6 gennaio al Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria. Nell’ormai consolidata tradizione dedicata alla Befana, tornerà il laboratorio creativo per bambini dagli 8 ai 12 anni che, sotto la guida esperta della dott.ssa Palma Buda, scopriranno le bellezze artistiche del MArRC.

«È sempre grande l’entusiasmo dei bambini che partecipano ai laboratori del Museo – commenta la dott.ssa Buda – e questo entusiasmo coinvolge anche i genitori, che apprezzano molto tali iniziative a tema. Con il gioco cerchiamo di far conoscere ai bambini gli antichi reperti custoditi al MArRC, aprendo un baule immaginario dove dentro ci sono oggetti preziosi. Mi piace – conclude Buda –  ricordare, a proposito, quello che ha detto Piero Angela: Tutti coloro che si occupano di insegnamento dovrebbero ricordare continuamente l’antico motto latino “ludendo docere”, cioè “insegnare divertendo”».

L’attività didattica, prevista dalle ore 16:00 alle ore 18:00, è su prenotazione per un massimo di 20 partecipanti accompagnati da un adulto, previo invio di una mail all’indirizzo man-rc.biglietteria@cultura.gov.it. Per tutti coloro che entreranno in Museo il giorno dell’Epifania previsto anche un dolce omaggio per salutare con il classico “carbone” i giorni di festa.

«Con grande piacere riproponiamo un’iniziativa tutta dedicata ai più piccoli – commenta il direttore del Museo, Carmelo Malacrino. Far conoscere il patrimonio archeologico sin dalla più tenera età è una strategia culturale fondamentale per coltivare il gusto del bello e il dovere civico per la tutela delle memorie del passato. E poi è straordinario cogliere la gioia e l’interesse dei nostri giovani visitatori. Il bilancio delle attività promosse per il Natale 2022 è certamente positivo. Il mio ringraziamento va al personale del Museo che ha garantito la sicurezza anche nei giorni di maggiore affluenza, ma anche alle associazioni e agli enti del territorio per la passione e l’attenzione indirizzate alla divulgazione della conoscenza. Il Cinquantesimo anniversario del rinvenimento dei Bronzi di Riace continua a essere un volano per far conoscere la Calabria in Italia e nel mondo. Il Museo – conclude il direttore – continuerà a promuovere il nostro territorio raccontando le sue meraviglie».

A partire da questa settimana il museo tornerà al consueto orario continuato dal martedì alla domenica, dalle ore 9:00 alle ore 20:00 (ultimo ingresso ore 19:30) e che l’ingresso al Museo per i giovani visitatori fino ai 18 anni è sempre gratuito.