Reggio Calabria: i docenti della Mediterranea tra i più influenti nelle discipline STEM

87
Web

Dalla classifica dei ricercatori più influenti al mondo in campo scientifico, la Top Science, spicca il nome dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria con ben 27 docenti presenti nel ranking 2021. Un risultato che conferma la bontà del sistema universitario nel campo della ricerca scientifica.

Il 10 ottobre 2022 è stata pubblicata la classifica aggiornata dei Ricercatori più influenti al mondo relativamente alla loro produzione scientifica. Tale prestigiosa graduatoria è stata elaborata da un team di analisti della Stanford University(coordinati dal Prof. John Ioannidis), utilizzando i dati bibliometrici estratti dal data base Elsevier\Scopus su 22 settori scientifici e i relativi 176 sotto-settori.
I dati confermano la qualificata presenza di diversi Docenti e Ricercatori dell’Università Mediterranea tra gli studiosi più attivi e citati al mondo e consolidano un significativo trend in crescita di tale presenza.

Nella top list sono presenti sia i 190.000 ricercatori più citati in tutti i settori della ricerca mondiale, sia il percentile del 2% dei ricercatori più citati nei loro rispettivi settori di ricerca. Su circa 140 Docenti e Ricercatori attivi presso la Mediterranea nelle discipline STEM (Science, Technology, Engineering, Mathematics) ed Economiche, in cui è abituale la valutazione bibliometrica, ben 27 sono presenti nel ranking 2021. Il Rettore prof. Giuseppe Zimbalatti dichiara: “Dopo l’ottima performance della Mediterranea in sede di VQR 2015/2019, anche questo risultato conferma la bontà del nostro sistema universitario con riferimento alla mission Ricerca. Ne rafforza l’autorevolezza internazionale, ne certifica la legittimità degli obiettivi di crescita. Complimenti dunque  – prosegue – a Andrea Caridi, Angelo Maria Giuffrè, Adele Muscolo, Giuseppe Modica, Leonardo Schena, Demetrio Zema (Agraria),Lucia Della Spina( Architettura), Marica Amadeo, Giuseppe Araniti, Felice Arena, Paolo Boccotti, Paolo Calabrò, Claudia Campolo, Claudio De Capua, Giuseppe Failla, Tommaso Isernia, Antonella Molinaro, Andrea Morabito, Carlo Morabito, Nadia Mammone, Rosario Morello, Filippo Praticò, Francesco Russo, Domenico Rosaci, Saveria Santangelo, Mario Versaci (Ingegneria), Massimiliano Ferrara (Economia).
Conclude, poi, il prorettore alla Ricerca, Massimo Lauria, affermando: “Il risultato rappresenta un’importante attestazione del qualificato impegno dei docenti della Mediterranea capaci, con crescente ritorno divisibilità, di valorizzare e disseminare i propri prodotti della ricerca nell’ambito della comunità scientifica nazionale e internazionale. Il ranking dunque –  prosegue il prorettore – basato su dati oggettivi e di respiro internazionale, nel rendere merito, in modo oggettivo ed inconfutabile, agli sforzi compiuti negli anni, ci sprona a dare seguito e rafforzare l’impegno dell’Ateneo nell’intraprendere ogni azione che possa contribuire a sostenere questo trend.”