Reggio Calabria: incomprensioni tra la maggioranza

50

A tre mesi dalla condanna e successiva sospensione del Sindaco Falcomatà, i gruppi consiliari di centro-destra hanno fatto ufficiale richiesta, affinché con urgenza vengano rese operative le Commissioni Consiliari Permanenti.

A tre mesi dalla condanna e successiva sospensione del Sindaco Falcomatà e dei Consiglieri Comunali in carica, nessuna delle Commissioni Consiliari Permanenti (Iª, IIª, IVª e VIª) sono state convocate nei tempi previsti dal regolamento e dallo statuto comunale per procedere alle surroghe e alle sostituzioni necessarie per garantire l’operatività. I gruppi consiliari di centro-destra hanno fatto ufficiale richiesta al Presidente del Consiglio, al Segretario Generale e per conoscenza al Sindaco f.f. del Comune di Reggio Calabria affinché con urgenza vengano rese operative le Commissioni Consiliari Permanenti.

Nella richiesta inviata, i Consiglieri Comunali di opposizione segnalano che in contrasto con quanto specificato all’art. 25 comma 3 del regolamento per l’organizzazione ed il funzionamento del Consiglio Comunale e delle Commissioni Consiliari e dell’art. 40 dello Statuto Comunale, nessuna delle Commissioni (Iª, IIª, IVª e VIª) siano state convocate nei tempi previsti, entro i dieci (10) giorni successivi alla comunicazione formale delle dimissioni del Presidente e cessazione della carica del Vice Presidente. Questa mancata convocazione – scrivono i consiglieri – oltre ad impedire l’elezione dei Presidenti e Vice Presidenti delle Commissioni, blocca anche l’operatività della IIª e IVª Commissione.

L’opposizione spiega, inoltre, che le commissioni sono organo consultivo e di discussione delle principali tematiche da affrontare in seno al Consiglio Comunale e rappresentano il punto principale di collaborazione tra la maggioranza e la minoranza. Lo scopo – aggiungono – è quello di analizzare i temi in questione per mettere tutti in condizione di poter proporre suggerimenti e di concordare alcune soluzioni che potrebbero non essere state valutate dalla sola maggioranza.

“Auspichiamo che le Commissioni Consiliari Permanenti – scrive il centro-destra – vengano correttamente messe in condizione di operare nell’interesse dei cittadini e della città. L’impressione è che l’attuale maggioranza consideri le Commissioni Consiliari Permanenti solo come una concessione fatta alle opposizioni e non come un valido ed importante strumento di lavoro istituzionale”.

“I Consiglieri di opposizione chiedono al Segretario Generale un intervento immediato per sanare questa situazione, e verificare le condizioni di correttezza regolamentare e statutaria. Chiedono, inoltre, che vengano convocate immediatamente le Commissioni Consiliari Permanenti Bilancio, Affari Istituzionali, Ambiente e Sviluppo Economico che, sempre in base al regolamento per l’organizzazione ed il funzionamento del Consiglio Comunale e delle Commissioni Consiliari, devono essere convocate per la analisi dei documenti predisposti e per consentire alle opposizioni di avere il tempo necessario per proporre eventuali modifiche ed integrazioni”.