Riciclaggio e ‘ndrangheta, tutti i sospetti su Allegri

238

Secondo quanto riportato dal quotidiano “La Verità”, l’allenatore della Juventus, Massimiliano Allegri, risulterebbe al centro di alcune indagini dell’Antiriciclaggio della Banca d’Italia, dopo alcune segnalazioni di un intermediario, in merito a un giro di soldi proventi di scommesse che, passando per Malta, porterebbero alla ‘ndrangheta calabrese.

Una società maltese in rapporti con la ‘ndrangheta e che risulterebbe indagata per truffa aggravata e giri di scommesse avrebbe fatto versare, per ordine di una società slovena, 168 mila euro in 7 bonifici sul conto del Mister bianconero, che cosi reiterati – secondo l’Antiriciclaggio – non risultano giustificati e lasciano spazio ad altre interpretazioni.

L’allenatore sarebbe stato oggetto di accertamenti da parte della Guardia di Finanza di Livorno a fine 2019, in seguito ad alcune operazioni sospette provenienti dall’estero sul conto corrente di Allegri, in particolare dal Casinò di Montecarlo, per centinaia di migliaia di euro, per vincite e rimborsi carte di credito, nonostante Monaco fosse ritenuto un vero e proprio paradiso fiscale.