Riconoscimento d’onore per lo scrittore di Africo Leo Maviglia

570

Lo scrittore, di Africo, Leo Maviglia ha vinto, in questi giorni, un prestigioso premio per il suo romanzo ”Oltre la scalinata, il fantasma invaghito”, edito dalla casa editrice “Calabria Letteraria Editrice”. Un romanzo che racconta e fa sognare il vero amore.

Quando hai la fortuna di avere tra le mani un libro che ti coinvolge sin dalla prima pagina, allora non si può far altro che leggerlo tutto d’un fiato. È quello che è successo a me, quando qualche anno fa, ho letto il romanzo ”Oltre la scalinata, il fantasma invaghito” di Leo Maviglia, scrittore originario di Africo, edito dalla casa editrice “Calabria letteraria editrice”. 

Si tratta di un romanzo che racconta dell’amore, quello vero e puro, che fa sognare e che tutti vorremo vivere, ma per afferrarlo occorre avere pazienza, dedizione e tanto coraggio. La protagonista Ester perde, all’improvviso, il compagno di una vita Alessandro, da quel giorno niente sarà più come prima, sente di essere entrata in un vortice di disperazione, non trova alcuna consolazione. Così inizia un percorso per non soccombere al dolore, ma Alessandro, in realtà, è sempre accanto a lei. Il suo fantasma riesce, infatti, con piccoli segnali a farle sentire la sua vicinanza, perché anche lui non trova pace senza la sua compagna. Quando la donna deciderà di rifarsi una vita con un altro uomo, anche in questo caso sarà il fantasma del marito a intromettersi, condizionando fortemente le sue scelte, fino ad arrivare ad un finale inaspettato.

Si tratta di pagine di inchiostro, molto intense che insegnano come vale la pena  combattere per il vero amore, anche se questo comporterà dei sacrifici e delle sofferenze.

Per tutte le belle emozioni che il libro ha regalato a me e a tutti i lettori, il romanzo ha ottenuto un giusto riconoscimento: infatti, la prestigiosa Giuria del Premio Internazionale “Michelangelo Buonarroti” ha inviato il Diploma D’onore con Menzione D’encomio nella sezione narrativa per “Oltre la scalinata, il fantasma invaghito”.