Rodano e il crotonese, un volume di Ierardi

21

Le “Conversazioni in Casa Rodano”, un agile volumetto che si sta presentando in questi giorni nel crotonese, per iniziativa della Sezione Alto Crotonese dell’Istituto Raffaele Lombardi Satriani per la ricerca folklorica e sociale, hanno la forza di una testimonianza capace di restituire profili culturali, cifre intellettuali e politiche, sfumature umane.

Le “Conversazioni in Casa Rodano” vogliono essere, innanzitutto, un omaggio affettuoso alla memoria di Giaime Rodano, scomparso il 6 luglio del 2021. Il libro è curato da Giovanni Ierardi, intellettuale di Petilia Policastro.

‘’ Giaime – scrive Ierardi – appartiene a quella categoria di uomini che lasciano il segno con la loro meravigliosa eredità di affetti. E, perciò, sentiamo insieme al dovere la più profonda emozione nel ricordarlo: avvertiamo che questo equivale a tenerlo ancora tra noi, sentirne il discorso e apprezzarne il sorriso, denso di rispetto e di vicinanza che erano la cifra con cui si accostava non solo agli amici, ma a tutti i suoi interlocutori. Educato alla severa scuola del padre Franco, che fu – come lo definì Enrico Berlinguer – “tra i pensatori politici italiani più robusti e originali”, di cui fu anche premuroso collaboratore, Giaime è diventato, attraverso soprattutto l’esperienza dell’insegnamento, uno speciale amico dei giovani, che tuttora lo ripagano con calorose testimonianze di stima e di affetto. Qui, desidero anche ricordare che è stato amico del Liceo di Petilia Policastro e apprezzato collaboratore di Scuola e dintorni, giornale di quella scuola calabrese. Nel suo generoso rapporto con il Liceo, Giaime è stato preceduto dalla madre Marisa, figura leggendaria della storia nazionale, che al Liceo di Petilia è venuta due volte (nel 2009 e nel 2011), segnando con quegli incontri, condensati in altrettanti quaderni, il ruolo della memoria e Il valore della testimonianza’’.