fbpx
venerdì, Maggio 24, 2024
spot_img
HomeIn Primo PianoSiderno: continua la pioggia di cartelle

Siderno: continua la pioggia di cartelle

Il movimento politico, Siderno 2030, denuncia le piogge di cartelle che stanno arrivando ai cittadini, in questi giorni.

Negli ultimi giorni il Comune di Siderno sta inviando ai cittadini avvisi di accertamento esecutivi riferiti all’imposta TARI per gli anni 2019/2020/2021/2022, pretendendo in molti casi anche il pagamento congiunto di più periodi.

Gli avvisi in questione, oltre al pagamento del tributo, risultano quasi sempre maggiorati da sanzioni per omessa infedele denuncia anche quando i cittadini avevano già puntualmente fatto fronte al versamento degli importi che l’Ufficio Tributi aveva annualmente richiesto a saldo o in acconto. Constatiamo ancora che gli stessi avvisi, notificati a mezzo servizio postale, continuano ad essere privi della indispensabile “attestazione di conformità all’originale digitale.

I rappresentanti di “Siderno2030” hanno già rilevato in Consiglio Comunale come l’assenza di tale requisito, se impugnato dai soggetti interessati davanti alla Corte di Giustizia Tributaria, possa costituire motivo di dichiarazione di nullità dell’avviso di accertamento.

E ciò in quanto tale omissione non consente al destinatario del provvedimento di avere la certezza che il documento ricevuto sia uguale all’originale informatico elaborato dall’Ufficio, per come già sentenziato da diverse Commissioni Tributarie Provinciali e dalla stessa Corte di Cassazione.

Riteniamo che non sia possibile gestire le entrate del Comune con la superficialità, l’arroganza e la spregiudicatezza che, con questi atti, stanno dimostrando l’Ufficio Tributi e la Creset Spa, (società che ormai da 3 anni avrebbe dovuto effettuare la bonifica della banca dati tributaria) nei confronti dei cittadini sidernesi evidentemente considerati alla stregua di bancomat.

Un Comune amico del cittadino avrebbe agito diversamente. Dapprima lo avrebbe convocato e definito in contraddittorio eventuali discordanze delle consistenze immobiliari, avrebbe poi aggiornato in modo definitivo la propria banca dati e solo dopo avrebbe emesso avviso di pagamento per un solo anno per volta, anche perchè i periodi adesso richiesti non incorrono, nell’immediato, nel rischio  di essere prescritti.

Confermiamo ancora una volta che, a nostro avviso, i cittadini sono tenuti a pagare i tributi per consentire all’Ente di disporre delle entrate necessarie per gestire i servizi comunali ma nel contempo diciamo che i cittadini debbano essere messi nelle condizioni di pagare quello che è effettivamente dovuto, con cadenza periodica e senza concentrazione di pretese creditorie pluriennali e contestualmente per tributi differenti.

#SIDERNO2030

- Spazio disponibile -
- Spazio disponibile -
- Spazio disponibile -
ARTICOLI CORRELATI
- Spazio disponibile -

Le PIU' LETTE

- Spazio disponibile -