fbpx
venerdì, Maggio 24, 2024
spot_img
HomeattualitàSiderno: domani la Carovana dei Diritti della FLC CGIL

Siderno: domani la Carovana dei Diritti della FLC CGIL

La Carovana dei Diritti della FLC CGIL arriverà nella nostra provincia il prossimo 14 aprile all’interno della mobilitazione nazionale “Stesso Paese, stessi diritti”: un camper per unire l’Italia, partita lo scorso novembre da Roma e in viaggio per l’Italia fino a giugno per ribadire che il Paese è uno e non va diviso, in difesa dell’istruzione pubblica e contro l’autonomia differenziata.

Il camper sarà a Siderno domenica, 14 aprile, sul Lungomare delle Palme per incontrare dirigenti scolastici, cittadini, il sindaco di Siderno Maria Teresa Fragomeni, il sindaco di Bovalino Vincenzo Maesano e il vice sindaco di Gioiosa Ionica Salvatore Fuda. Lunedì 15 aprile la carovana dei diritti ripartirà da Gioia Tauro insieme al sindaco Aldo Alessio e i dirigenti scolastici degli istituti cittadini. Proseguirà verso Palmi dove dalle 11 sarà in piazza Primo Maggio per incontrare il sindaco di Palmi Giuseppe Ranuccio. Alle 18 arrivo a Cinquefrondi a piazza della Repubblica per un confronto con il sindaco della città Michele Conia e quello di Polistena Michele Tripodi. Martedì 16 aprile ultima sosta calabrese all’Università Mediterranea di Reggio Calabria per l’iniziativa “Sistema di istruzione nazionale e opportunità sul territorio. La turbo autonomia universitaria e la filiera tecnologica professionale come autonomia differenziata dal basso” che si svolgerà dalle 9 alle 17 e vedrà gli interventi del segretario nazionale Cgil Christian Ferrari, le segretarie nazionali Flc Cgil Pina Di Lullo e Graziamaria Pistorino, il segretario generale Flc Cgil Calabria Mimmo Denaro, la professoressa di Antropologia e pedagogia interculturale dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria Laura Marchetti, la presidente di Proteo Fare Sapere Calabria Claudia Neri. Contemporaneamente il camper farà sosta in Piazza Duomo per incontrare gli amministratori della città metropolitana e, infine, a Villa San Giovanni dove il camper sosterrà in Piazza  Valsesia.

La Cgil ritiene che “l’autonomia differenziata spaccherà il Paese, riducendo diritti e retribuzioni e privatizzando la scuola. Il diritto all’istruzione – hanno detto i dirigenti sindacali – deve essere garantito ed esercitato in maniera uniforme in ogni angolo del Paese. Con il ddl Calderoni programmi, indicazioni e orientamenti sarebbero non più nazionali ma decisi dal singolo assessore regionale, che potrebbe cancellare o ridurre alcune materie e insegnamenti, compromettendo così il valore legale del titolo di studio. Gli organici del personale della scuola sarebbero alla mercé delle decisioni della singola Regione che potrebbe modificare anche l’orario e il calendario annuale. Questa riforma è il preludio alla privatizzazione della scuola pubblica così come già accaduto nella sanità in alcune regioni. L’approvazione del Ddl Calderoli è un vero disegno secessionista che provocherebbe pesanti conseguenze, con un’autonomia differenziata che, di fatto, frammenterebbe il sistema pubblico di istruzione, che deve essere unico e uguale su tutto il territorio nazionale.

 

- Spazio disponibile -
- Spazio disponibile -
- Spazio disponibile -
ARTICOLI CORRELATI
- Spazio disponibile -

Le PIU' LETTE

- Spazio disponibile -