Vaccini nella Locride, i risultati dell’impegno di Croce Rossa e Casa della Salute

687

Al termine della visita effettuata sabato scorso presso la struttura vaccinale della Casa della Salute di Siderno, l’eccezionale risultato raggiunto dal gruppo operativo mobile della Croce Rossa Italiana – Comitato Riviera di Gelsomini,  è stato definito dal Generale Saverio Pirro, delegato della struttura del commissario straordinario per l’emergenza Covid-19, come “l’equivalente di una azione militare ad alta efficienza, che rappresenta un esempio per tutti”. Dai dati emersi dal Report delle vaccinazioni domiciliari effettuate dal  26 marzo al 15 maggio nei 24 paesi della Locride finora visitati dal nucleo della Croce Rossa, risulta che sono state erogate 1.465 dosi di vaccino Pfizer e Moderna, nei comuni di:  Antonimina(1^ e 2^ dose 68+22), Bivongi (1^ dose 21), Bruzzano Zeffirio (1^ dose 40), Camini (1^ dose 24), Caraffa del Bianco (39 +25), Casignana (19+21), Caulonia (86), Ferruzzano(14), Gerace (49), Gioiosa Jonica 50), Grotteria (43), Locri (129 +45), Mammola (82), Marina di Gioiosa (99+46, Martone 14+14), Monasterace (44+29), Pazzano (11), Placanica (32), Portigliola (31), Roccella (124), Samo (43+29, Sant’Agata (36+28, Siderno (60) e Stignano (22).

Tutto questo è stato possibile grazie a un protocollo di intesa, elaborato e proposto dalla Croce Rossa Comitato Riviera dei Gelsomini, presidente Dottoressa Concetta Gioffrè, Responsabile Medico dottoressa Veneranda Immacolata Morelli, sottoscritto con il dottor Pasquale Mesiti, Responsabile del Centro Vaccinale Territoriale Casa della Salute di Siderno e il dottor Gianluigi Scaffidi, Commissario ASP di Reggio Calabria.
La Croce Rossa del Comitato Riviera dei Gelsomini è l’unico Centro Vaccinale mobile in Calabria, e con le sue sole risorse umane e materiali, nei vari paesi e nei punti più sperduti ed irraggiungibili della Locride -anche con il maltempo e senza badare ad orari e disagi- si è preso cura delle persone estremamente fragili, “che in questa pandemia -afferma la Dottoressa Veneranda Immacolata Morelli, che ha somministrato le 1465 dosi- stanno pagando il prezzo più alto con la solitudine e l’abbandono”. Ed aggiunge “sappiate aspettare con pazienza, non vi abbandoneremo”!
Ed in realtà, il punto di forza di questa azione messa in atto dalla Croce Rossa, non è soltanto il gran numero di persone fragili vaccinate, ma l’umanità che nei rapporti con tutti i pazienti sofferenti e le famiglie, ha caratterizzato il Medico ed i magnifici indispensabili volontari crocerossini (servizio assolutamente gratuito), perché oltre alla visita medica di alta professionalità ed accuratezza ed alla “punturina”, il gruppo ha dialogato, incoraggiato,
dato speranze e dispensato carezze “ chi ha un cuore, guarda la persona, non pensa ai numeri”, ha detto con grande umanità la Dottoressa Veneranda Immacolata Morelli.

Vincenzo Logozzo