Vaccini: via libera dell’Ema a Janssen

106

Il preparato si conserva in normali frigoriferi e non necessita di un richiamo. L’azienda americana dovrebbe consegnare 200 milioni di dosi all’Europa entro il 2021: le prime a partire da aprile.

L’Ema ha autorizzato l’immissione in commercio condizionata per il vaccino contro il Covid-19, sviluppato da Johnson&Johnson per gli adulti di età superiore ai 18 anni, è il quarto raccomandato nell’Ue. Già domani, si terrà la riunione della Commissione tecnico scientifica dell’Aifa per l’approvazione e le indicazioni per la distribuzione del vaccino in Italia. Janssen è finora l’unico vaccino che necessita di un’unica dose. Secondo gli accordi, dovrebbero arrivare nell’Unione Europea 200 milioni di dosi entro la fine del 2021, a partire dal secondo trimestre con i primi 55 mila milioni di dosi tutti i cittadini possano accedere il prima possibile a vaccinazioni sicure ed efficaci.

Il vaccino è a base di vettori virali come AstraZeneca, Sputnik e Reithera. Per vettori virali si intendono dei veicoli che possono introdurre materiale genetico in una cellula ospite. Nel caso di Janssen è utilizzato come vettore un adenovirus umano (Ad26) reso innocuo perché non può replicarsi. L’adenovirus privato del proprio corredo genetico, che normalmente causa infezioni, al posto del quale viene inserito un gene che codifica una proteina di SarsCoV2. Una volta somministrato per via intramuscolare l’adenovirus penetra nelle cellule umane e fornisce le istruzioni necessarie per sintetizzare proteine virali riconosciute come estranee dal sistema immunitario che a questo punto stimola la produzione di anticorpi specifici contro Sars-CoV-2.

L’efficacia del prodotto è stata dimostrata in uno studio clinico, che ha coinvolto oltre 44mila persone dai 18 anni in sui negli Stati Uniti, in Sudafrica e nei Paesi dell’America Latina. A metà dei partecipanti è stata somministrata una singola dose di vaccino e all’altra metà un placebo. Lo studio ha rilevato una riduzione del 67% del numero di casi Covid sintomatici dopo 2 settimane nelle persone che hanno ricevuto il vaccino Janssen (116 casi su 19.630 persone), rispetto alle persone a cui è stato somministrato placebo (348 persone su 19.691). Questo significa che il vaccino ha avuto un’efficacia del 67%.

Gli effetti collaterali nello studio erano generalmente lievi o moderati e sono stati risolti entro un paio di giorni dalla vaccinazione. I più comuni: dolore al sito di iniezione, mal di testa, stanchezza, dolori muscolari e nausea.