Volare in cielo

655

In ricordo di Raffaella Scali

Di Antonella Sotira

Questo weekend ho volato da Roma a Palermo: all’andata come ogni volta, ho salutato tutti i miei cari e gli amici che “sono volati in cielo”.

Al mio ritorno c’era una persona in più da salutare: Raffaella Scali. con lei ho salutato tanti ricordi della mia infanzia e fra questi ho ritrovato anche il senso del mio viaggio e del mio impegno sociale da giurista, ricordando che molti dei miei Valori sono nati e sono stati coccolati a casa di Raffaella in una famiglia dove l’ironia, la satira, l’amore per la scuola e l’insegnamento e la convivialità e l’accoglienza erano all’ordine del giorno.

Una preghiera x te Ra