Winterland: i dubbi della minoranza consiliare

173

I dubbi e le perplessità riguardo la gestione economica e l’organizzazione dell’evento natalizio “Winterland” sono state le tematiche principali della conferenza stampa tenuta dal gruppo consiliare “Siderno 2030”, domenica mattina, nella sala delle riunioni del comune.

A destare scalpore, oltre ad altre problematiche della cittadina di Siderno, è stata la scarsa organizzazione della manifestazione natalizia “Winterland” e la mancanza di rispetto delle regole riguardo quest’ultima. Nella conferenza, le due opposizioni hanno chiesto alla consulta giovanile se avesse prestato attenzione al piano di safety e se il responsabile del settore “politiche del territorio” avesse verificato il rispetto di tutte le norme di sicurezza stabilite.

Ecco quanto aggiunto da Antonella Avellis: “Non abbiamo ricevuto nessuna risposta in merito a ciò da parte dei diretti interessati, ma solo risposte di alcuni tecnici anche in maniera parziale”. Di certo, è stato violato l’articolo 9 del regolamento che prevede la convocazione della commissione 20 giorni prima dell’inizio dell’evento. Il contributo, come da regolamento avrebbe dovuto essere chiesto entro il 30 settembre, ma la consulta giovanile lo ha chiesto e ottenuto il 7 novembre. Adesso ci auguriamo che quantomeno provveda al ripristino della pavimentazione, ormai danneggiata, di Piazza Portosalvo”.

Non sono mancati i riferimenti sul contributo di 16.000 euro conferito alla consulta giovanile, di cui il giornalista Rosario Condarcuri ha dichiarato: “Ormai agiscono come agenzia di organizzazione eventi, con tre-quattro persone che decidono come spendere i soldi pubblici”.

Non è mancato un commento dell’ex candidato sindaco, Stefano Archinà: “In base a quali criteri sono stati assegnati i premi “Vela d’oro” a quelle che sono state definite eccellenze sidernesi? Hanno sostituito la Pro Loco con la consulta giovanile e continuano a non invitare associazioni considerate vicine al nostro movimento”.