La denuncia del parchetto degradato e la polemica sui social

164

Una giovane madre porta i suoi figli al parco giochi comunale che si trova sul lungomare di Siderno, lo trova in condizioni pessime dopo le copiose piogge dei giorni precedenti. Pozzanghere ovunque e giochi rotti, come si può vedere nelle foto.

Il giorno dopo posta queste foto in un gruppo Facebook scrivendo questo messaggio: “Vengo qui in vacanza tutti gli anni, noto che la situazione è sempre la stessa, ma possibile che non riuscite a sistemare un parco? Ad ogni giostra c’è una pozzanghera di fango, ieri sera una bambina è scivolata nel fango(vedi foto). Giostre disastrate, sporche e non sicure.  Nel 2021 è peccato vedere in una zona di mare così bella questo scempio, non va bene, per non parlare della spazzatura e delle erbacce”.

Tanti cittadini hanno scritto in sostegno della signora, ma non sono mancati dei commenti piuttosto aspri che hanno acceso un dibattito sul gruppo. Ne ricondividiamo uno in particolare: “Vorrei dire ai signori che “calano dal nord” quando arrivate a Siderno andate voi a reclamare dai commissari può darsi che a voi “nordisti” vi danno ascolto. Poi vorrei dire alla gentile signora riguardo la pozzanghera che da noi in estate non piove quasi mai anzi da che ricordi io erano almeno 6 mesi che non pioveva. E poi con i problemi che ci sono a Siderno figuriamoci se al Comune vanno a vedere le pozzanghere del parco giochi. In paese ci sono buche che hanno festeggiato parecchi anniversari”.

Questo messaggio ha suscitato una discussione tra i diritti dei sidernesi, il loro impegno verso il paese e la pretesa dei diritti e dei servizi. Si sono alzate voci pro e contro queste denunce da parte dei turisti. Non si tratta della prima polemica del genere a seguito di una denuncia di un disservizio, sembra che il mostrare ciò che non funziona invece di essere una critica costruttiva a migliorare costringa molti a fare i conti con ciò che non funziona. E a volte si preferisce negare l’evidenza piuttosto che diventare cittadini attivi e chiedere di più.